Luglio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Esitazione in Europa davanti alle decisioni della Banca Centrale Europea – 04/11/2024 alle 09:59

L'ex Borsa di Parigi, Palais Brongniart, si trova in Place de la Bourse a Parigi

Giovedì mattina i principali mercati azionari europei hanno esitato in attesa delle decisioni di politica monetaria da parte della Banca Centrale Europea, mentre la forte inflazione negli Stati Uniti ha ravvivato i timori di tassi di interesse elevati e prolungati.

A Parigi, l'indice CAC 40 è salito dello 0,43% a 8.079,63 punti intorno alle 07:45 GMT dopo aver aperto in rosso. A Londra il FTSE 100 è salito dello 0,03%. A Francoforte il DAX ha guadagnato lo 0,12%.

L'EuroStoxx 50 è salito dello 0,03%, il FTSEurofirst 300 dello 0,04% e lo Stoxx 600 dello 0,01%.

I futures di Wall Street lasciano presagire un'apertura piatta per i tre principali indici, il giorno dopo una sessione in forte calo caratterizzata da un nuovo aumento dei prezzi al consumo statunitensi (CPI) per marzo.

Il mercato è ora in attesa dei dati mensili sui prezzi alla produzione alle 12:30 GMT che, secondo il consenso di Reuters, potrebbero mostrare un'accelerazione al 2,2% su base annua, il che aumenterebbe le probabilità di un rapido calo. Tassi della Federal Reserve (Fed) statunitense.

Lo scenario di un allentamento della politica monetaria da parte della Fed a settembre con solo due tagli dei tassi quest'anno è ora favorito dai trader.

Megan Greene, membro del comitato politico della Banque d'Angleterre, è una donna molto giovane della Grande-Bretagne, molto resistente al persistere delle pressioni inflazionistiche, che compongono una casa su larga scala negli Stati Uniti. Stati d'America.

Nella zona euro, gli operatori del mercato attendono alle 12:15 GMT le decisioni della Banca Centrale Europea, sperando che l'Istituto di Francoforte fornisca dettagli sul taglio dei tassi di interesse, ancora previsto per giugno.

READ  Antidolorifici non oppioidi: la Hyloris Pharma di Liegi entra nel mercato statunitense, le sue azioni salgono

Sul mercato obbligazionario, il rendimento dei titoli tedeschi a 10 anni, che mercoledì era aumentato di sei punti base, giovedì è aumentato di circa tre punti, al 2,466%. L'indice biennale ha toccato il massimo di quattro mesi del 2,99% nelle prime negoziazioni di giovedì prima di ridurre il suo guadagno al 2,977%.

In termini di valore, Société Générale, che ha venduto la sua controllata SGEF per 1,1 miliardi di euro, ha guadagnato il 3,47%, superando l'indice CAC 40.

Il titolo Publicis ha guadagnato lo 0,84% dopo risultati trimestrali migliori del previsto.

A Londra, Astrazeneca (+1,04%) ha beneficiato dell’annuncio di un aumento del 7% dei dividendi annuali pagati agli azionisti per il 2024, mentre Darktrace (+6,23%) ha beneficiato di un aumento del fatturato annuo e delle aspettative di margine di profitto. Per la seconda volta in un mese.

A Francoforte, Prosiebensat.1 (+1,35%) è in attivo dopo aver annunciato la volontà di vendere due attività di e-commerce su richiesta del suo principale azionista Mfe-Mediaforeurope (+0,89%), mentre Lufthansa (-1,15) è in positivo rosso Dopo aver sospeso i voli per Teheran a causa della situazione in Medio Oriente.

(Scrittura di Claude Chendjou, montaggio di Sophie Loyt)