Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Emmanuelle DeBivre, la prima accusatrice di Depardieu, si è suicidata: “Il mostro sacro si è concesso molte cose durante queste riprese”.

Emmanuelle DeBivre, la prima accusatrice di Depardieu, si è suicidata: “Il mostro sacro si è concesso molte cose durante queste riprese”.

Se il suo nome è poco conosciuto dal grande pubblico, Emmanuelle DeBivre è stata una delle attrici che denunciarono le azioni di Gérard Depardieu, questione tornata all’attualità attraverso lo spettacolo. Ulteriori indagini. Per una tragica coincidenza, il giorno in cui il programma è andato in onda su France 2, l’attrice ha deciso di togliersi la vita.

“È un peccato”: Gerard Depardieu reagisce e decide di sporgere denuncia dopo aver annunciato un’ulteriore indagine a suo carico

Nel 2019, l’attrice è andata sulla sua pagina Facebook per discutere della violenza sessuale di cui è stata vittima nel 1982 da parte del famoso attore sul set di Danton diretto da Andrzej Wajda. All’epoca lei aveva 19 anni e lui 33: “Il signor Depardieu. Oggi è stato assolto dall’accusa di stupro e violenza sessuale. Nessun commento. Danton de Wajda. Lei interpretava Louisonne, la giovanissima moglie di Danton. La Sacra Bestia si è concessa molte cose durante queste riprese… approfittando del privacy all’interno della carrozza. Fa scivolare “La sua grande zampa sotto la mia gonna, dovrebbe farmi sentire meglio… io, non posso permettermi di farlo. Qui, con gli occhi fissi sull’impalcatura, la testa era circa cadere. Da qui il mio aspetto.”Scrissi.

Emmanuelle DeBiefer ha lavorato anche nel cinema e in televisione. Negli anni Ottanta ci ho giocato Joel Mazartcontinuazione della serie Pausa caffè. È apparsa anche nella serie Medici notturni et al Le indagini del commissario Maigret.

“Ho una trave nei pantaloni”: “ulteriori indagini” su Gérard Depardieu svelano le parole oscene pronunciate dall’attore

Nel 1982, ha ottenuto un ruolo in Gioco brutale Di Jean-Claude Brissot. “Sono stato in tournée con lui Gioco brutale. È un ruolo che mi è piaciuto interpretare. Vorrei che mi guidasse più gentilmente. Avevo appena iniziato ed ero completamente appassionata della mia carriera di attrice. “Non si è mai comportato male con me.”L’attrice ha dichiarato nel 2019 la morte del regista, accusato più volte anche di violenza sessuale, cosa che gli è valsa anche una condanna legale.

READ  Deep Heard: il "processo alla stregoneria" che punisce il potere delle telecamere nei tribunali statunitensi