Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni presidenziali in un Paese diviso sull'Ucraina

Elezioni presidenziali in un Paese diviso sull'Ucraina
Sabato gli slovacchi voteranno per il primo turno delle elezioni presidenziali (qui il seggio elettorale di Bratislava).
Vladimir Simišić/AFP

Oggi, sabato, gli elettori slovacchi hanno votato al primo turno delle elezioni presidenziali, in un voto simile ad uno scontro tra un rappresentante del campo dominante vicino alla Russia e un candidato filo-ucraino sostenuto dall'opposizione. Secondo i sondaggi d'opinione, il presidente del Parlamento Peter Pellegrini ha ricevuto il 37% delle intenzioni di voto, contro il 36% di Ivan Korcok, ex ministro degli Esteri e diplomatico veterano.

Peter Pellegrini, l'ex primo ministro, gode del sostegno dell'attuale primo ministro populista Robert Fico, che rifiuta di fornire aiuti militari all'Ucraina, ha messo in dubbio la sovranità di questo paese e ha chiesto la pace con la Russia. Dopo la votazione lui ha sottolineato che la Slovacchia resterà saldamente nell'Unione europea e nella NATO, nonostante le dichiarazioni di Robert Fico. “Anche se parliamo di una politica estera più sovrana, ciò non significa che il corso della politica estera della Slovacchia dovrebbe cambiare”.Egli ha detto.

Ivan Korcok, invece, difende la causa ucraina. Ha opinioni simili a quelle della presidente uscente Zuzana Caputova, un'accesa critica al governo, che ha deciso di non candidarsi per un secondo mandato. “La gente sa cosa rappresento. Ora tocca a loro andare a votare”.Lo ha annunciato Evan Korcok dopo aver inserito la sua scheda elettorale nell'urna. Zuzana Caputova, esprimendo il suo voto nella città di Pezinok, a est di Bratislava, ha detto che spera che il suo successore le succeda. “Rappresenterà bene il nostro Paese all’estero”..

“FICO 2.0”

Tra gli altri candidati in corsa, l'euroscettico Stefan Harabin, 66 anni, che ha elogiato pubblicamente il presidente russo Vladimir Putin, è terzo nei sondaggi. A Bratislava, Thomas Gubala, un ingegnere informatico, ha votato per Korcuk, “l’unica opzione praticabile”, ha detto. “Perché Pellegrini è in fondo FICO 2.0.”.

Gli analisti ritengono che il presidente, sostenuto da Robert Fico, potrebbe rafforzare la politica estera antiucraina del governo di questo paese di 5,4 milioni di abitanti, membro della NATO e dell'Unione Europea. “Pellegrini (…) probabilmente farà da alleato”. L'analista di Bratislava Pavol Babos ha detto all'AFP che Ivan Korcok sarà probabilmente il primo ministro di Robert Fico. “contrappeso”. “Utilizzerà vari strumenti per correggere le loro tendenze antidemocratiche”.Ha aggiunto.

READ  La vita di Lama è stata sconvolta durante il raid israeliano su Gaza: ha perso una gamba, sua sorella e il suo fratellino.

La guerra nella vicina Ucraina ha diviso gli slovacchi durante la campagna elettorale. Lo ha chiesto, durante l'ultimo dibattito prima del voto, Pietro Pellegrini (48 anni). “Un cessate il fuoco immediato e l'avvio dei negoziati di pace” Tra Kiev e Mosca. Questa è una posizione che Ivan Korcok (59 anni) ha denunciato. “La Federazione Russa ha calpestato il diritto internazionale (…).” “Non penso che l'Ucraina debba rinunciare a parte del suo territorio per raggiungere la pace”.Lo ha detto all'AFP. “La pace non può essere sinonimo di resa”Ha insistito ancora.

corruzione

Ivan Korcok gode del sostegno dell'opposizione, che ritiene che la vittoria di Peter Pellegrini aprirà la strada alla concessione della grazia presidenziale agli alleati delle autorità condannati per corruzione. Nel corso degli anni Roberto Fico permise a Pietro Pellegrini di raggiungere diversi incarichi, tra cui quello di Presidente del Parlamento.

Quest'ultimo è diventato lui stesso primo ministro dopo la caduta del governo Fico nel 2018, in seguito all'omicidio del giornalista investigativo Jan Kuciak e della sua fidanzata. Il caso scatenò grandi manifestazioni che costrinsero Robert Fico a dimettersi, dopo che il giornalista aveva lavorato sui legami tra il suo partito Smer-SD e la mafia italiana.

Sebbene i suoi doveri siano principalmente cerimoniali, il capo di stato slovacco ratifica i trattati internazionali, nomina i giudici capi ed è comandante in capo delle forze armate. Se nessuno dei nove candidati riceverà più del 50% dei voti, il 6 aprile sarà necessario un secondo turno. La votazione termina alle 22:00 (21:00 GMT). Non sono previsti exit poll.