Luglio 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Elezioni presidenziali francesi: Valerie Pecresse nominata per la repubblica

Fine della suspense: Valerie Pecresse sarà la candidata presidenziale di LR nel 2022, sarà la prima donna a rappresentare la destra in queste elezioni di vertice e si assumerà l’impegnativo compito di guidare una destra soffocante in battaglia.

Ha aggiunto tra gli applausi che “la destra repubblicana è tornata” e ha promesso di “radunare” la sua famiglia politica, che ha pagato un prezzo pesante per le sue divisioni negli ultimi anni.

Eric Ciutti si è subito messo in fila “dietro Valerie Pecres che porterà le nostre speranze” e ha annunciato che l’avrebbe ricevuta lunedì nel suo villaggio di Saint Martin Vesopee, nel loro primo viaggio in comune.

“Se siamo lì, tutti i candidati, è per mostrare l’unità”, ha detto Xavier Bertrand al suo arrivo, che “non può essere raggiunta senza l’unità”.

Segno di questa unità, i tre candidati eliminati al primo turno (Xavier Bertrand, Michel Barnier e Philippe Goffin, a cui si è subito unito Valerie Pecresse) erano già presenti nella sede di LR.

Portatrice della linea di ‘ordine’ in materia di sicurezza e liberalismo in economia, Valerie Pecresse, ex ministro del Bilancio, era orgogliosa di essere il ‘baricentro’ della destra e quindi di poterla coniugare con essa.

“Accoglierò il progetto di straniamento definitivo, ho il coraggio di dire e la volontà di farlo, non avrò la mano che trema davanti agli avversari della Repubblica”, ha lanciato sabato, promettendo di “rimediare al situazione.” Le finanze francesi.

Ma Eric Ciutti ha avvertito che “vinceremo solo voltando le spalle alla prudenza, fonte di impotenza”. Perché “se la nostra famiglia non assume i suoi valori di destra, non potrà restituire coloro che sono partiti per essa né a Eric Zemmour e Marine Le Pen, né a Emmanuel Macron”, ha avvertito prima di annunciare i risultati della dichiarazione. .

READ  Il figlio dell'ex dittatore Gheddafi sorprende il candidato presidenziale in Libia

“assemblare”

Davanti alla sede di LR dove si sono radunati una ventina di soci, Carol, 65 anni, ha accolto la scelta di una donna “molto dinamica e competente”: “Siamo contenti”.

“È l’unione che vince. È in grado di riunire tutta la nostra famiglia”, ha affermato Regis Ngoma, 46 anni.

Sconfitto al secondo turno nel 2012 e eliminato al primo nel 2017… LR ha sicuramente fatto registrare buoni risultati alle elezioni intermedie (comunali e regionali in particolare), ma nel 2022 o si qualifica al secondo turno o futuro come governo di un grande partito sarà risolto.

Il partito gollista è ancora in ritardo nei sondaggi, con Valerie Pecres accreditata tra il 10-11%, molto indietro rispetto a Emmanuel Macron e all’estrema destra. LR spera che questa debolezza sia dovuta a una mancanza di visibilità e che il rating dia al suo candidato una spinta nell’opinione pubblica.

Ma il partito deve anche uscire dalle tenaglie che riducono lo spazio vitale, tra il Macron che cerca di attirare una fetta dell’elettorato di destra, e l’estrema destra ormai rappresentata da due candidati: Marine Le Pen ed Eric Zemmour.

Quest’ultimo ha ufficializzato la nomina martedì, alla vigilia dell’apertura della LR Conference, in vista del grande incontro di domenica, all’indomani del risultato del match Pécresse/Ciotti.

Da parte della maggioranza, lunedì è stata lanciata la Common House, raccogliendo scommesse a sostegno della rielezione di Emmanuel Macron.

All’inizio della campagna, Valérie Pécresse dovrà anche fare i conti con la crescente diffusione della pandemia di coronavirus che sta ostacolando lo svolgimento del primo incontro previsto per sabato 11 dicembre.