Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ecco il cuore. Ci ho aggiunto le cipolle”: il pericoloso cannibale si aggiunge alla lista dei prigionieri russi mandati al fronte

Non è la prima volta che la politica russa libera i prigionieri per mandarli al fronte. Questo è controverso. Tra assassini e aggressori, le fila dell’esercito russo si riempivano di più di un pericoloso criminale, desideroso di riconquistare la libertà al ritorno in madrepatria. Recentemente due nuovi prigionieri sono stati inviati al fronte in Ucraina per combattere il nemico.

Donald Trump è nuovamente minacciato di reclusione

Tra loro c’è Dmitry Malyshev, soprannominato “Heartbreaker”, arrestato nel febbraio 2014 e messo dietro le sbarre per 25 anni dopo un crimine orribile. Secondo quanto riportato da CNews, avrebbe incontrato la sua vittima, un lavoratore migrante tagiko di 46 anni, mentre quest’ultimo gli offriva rapporti sessuali. Irritato dall’invito, Dimitri uccise l’immigrato, come si legge nelle colonne di TF1. Ma non finisce qui. Quindi taglia l’uomo e gli frigge il cuore con le verdure prima di mangiarlo. La scena è stata filmata con il suo cellulare. “Ecco il cuore. Ho aggiunto le cipolle“, Ha anche commentato mentre filmava il suo crimine. Quando in seguito i media russi lo hanno interrogato, ha detto che era sotto l’influenza dell’alcol durante questo crimine.

Lui, che è attualmente in ospedale dopo aver subito un infortunio alla fronte, ha detto di aver scelto di andare in Ucraina “per preservare i valori tradizionali della Russia”. In particolare, secondo il quotidiano francese La Depeche, rifiuta “una società che permette agli uomini di baciarsi per strada”.