Luglio 14, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

E negli Stati Uniti un chicco dell’asteroide Bennu ha già i suoi fan

E negli Stati Uniti un chicco dell’asteroide Bennu ha già i suoi fan

Una piccola pietra per l’uomo, una grande scoperta per l’umanità: venerdì, nell’accogliente ala di un museo di Washington, telecamere e telefoni hanno puntato un piccolo campione dell’asteroide Bennu, che dovrebbe consentire una migliore comprensione della formazione della vita sulla Terra . Terra.

In mostra al pubblico venerdì per la prima volta, presso il prestigioso Museo Nazionale di Storia Naturale della Smithsonian Institution, proviene dal più grande esemplare di asteroide mai raccolto e il frammento delle dimensioni di un ciottolo può essere visto nella sua minuscola capsula.

I visitatori non mancano mai di alzare il cellulare per scattarsi un selfie accanto alla piccola roccia nera, o scattare una foto di famiglia, come Jane Mann, venuta dalla vicina Virginia per portare il nipote a vedere “finalmente” un pezzo dell’asteroide sulla Terra. Terra.

“Temevo fosse solo un granello di polvere, ma in realtà è molto più grande di quanto pensassi”, ride l’informatico 64enne.

“Avevo 10 anni quando l’uomo ha camminato sulla luna per la prima volta, e penso che tutti quelli della mia generazione siano molto legati a tutto questo”, ammette prima di scattare una foto alla sua ragazza. “Non puoi immaginare tutta l’eccitazione che c’era in quel momento.”

Il campione fa parte della missione della NASA per determinare se gli asteroidi hanno effettivamente portato sulla Terra gli elementi che hanno permesso la nascita della vita, come carbonio e acqua.

– “Molto lavoro” –

Questa missione, chiamata OSIRIS-REx, ha prelevato questo campione nel 2020 da Bennu, un asteroide di 500 metri di diametro situato a più di 300 milioni di chilometri dalla Terra.

READ  Il primo tablet OnePlus che ce ne ricorderà un altro

La capsula contenente il prezioso carico è tornata con successo sulla Terra a settembre, atterrando nel deserto americano. Da allora, le analisi sono continuate presso il Johnson Space Center della NASA a Houston.

Sebbene abbia lavorato con il team scientifico su questo progetto, Nay Castro, come altri visitatori, vede per la prima volta parte dell’esemplare con i propri occhi. “È indescrivibile”, ha detto, indossando con orgoglio il logo della NASA sulla maglietta.

“È bello vedere questo esemplare, perché c’è voluto molto lavoro per recuperarlo”, dice il 36enne sempre sorridente responsabile delle operazioni di missione. “Non vedo l’ora di portare la mia famiglia e i miei amici a vederlo.”

Per l’occasione è presente anche lo stesso capo della NASA.

“Ora sappiamo che questo asteroide contiene cristalli d’acqua e carbonio, due degli elementi che costituiscono l’origine della vita”, ha detto raggiante Bill Nelson, poco prima che si alzasse il sipario.

Ha aggiunto in tono maestoso che questa nuova avventura spaziale “fa parte della nostra ricerca per capire, e cercare di capire, chi siamo, cosa siamo e dove siamo, nell’immensità di questo universo”. Gli appassionati di spazio sono ansiosi di tirare fuori le loro macchine fotografiche per scattare una foto del campione.

– ‘Un sogno diventato realtà’ –

Questo fascino sia per i visitatori che per gli specialisti è del tutto naturale per Tim McCoy, curatore del Museo Nazionale di Storia Naturale dello Smithsonian Institution, che descrive la scoperta come un “punto di svolta”.

Per lui “questo è l’inizio” di un lungo processo volto a “cercare di comprendere il nostro pianeta unico”.

“Il nostro pianeta offre caratteristiche che non troviamo su nessun altro pianeta del sistema solare o altrove: continenti, oceani e vita”, ha detto ai giornalisti con entusiasmo.

READ  Nuovo stock Xbox X Series: puoi ottenere la console al suo prezzo normale, ma puoi correre!

“È qualcosa che sogno da 20 anni e oggi è realtà, ma è solo il primo passo”, dice emozionato.

In effetti, il processo di apertura della capsula non è completo. A causa dell’abbondanza di materiale esterno al meccanismo di raccolta stesso, il campione principale non è stato ancora aperto.

I materiali recuperati sono già stati consegnati alla squadra di analisi rapide, al fine di avere un’idea preliminare della composizione di Bennu.