Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Lo specialissimo club delle astronavi che trasportano astronauti

Dall’inizio dell’esplorazione spaziale americana, solo poche navi hanno avuto l’onore di trasportare esseri umani. Tra pochi giorni il Boeing Starliner entrerà a far parte di questo club davvero esclusivo.

“Nella storia del volo spaziale americano, questa sarà solo la sesta volta che gli astronauti della NASA voleranno su un nuovo veicolo spaziale”, ha affermato Jim Frey, amministratore associato della NASA.

In questa occasione diamo un rapido sguardo allo sviluppo di questi veicoli eccezionali.

– Mercurio –

Il primo programma spaziale americano mirato a inviare esseri umani nello spazio, Mercury è nato nel 1958 con la creazione della NASA.

Questa prima nave, che in realtà è una capsula conica, è stata progettata per una sola persona.

Nel maggio del 1961, Alan Shepard divenne il primo americano ad andare nello spazio su un aereo, durante un volo che durò poco più di 15 minuti – circa un mese dopo il russo Yuri Gagarin, il primo uomo nello spazio.

La sesta e ultima missione con equipaggio del programma Mercury ebbe luogo nel 1963, due anni dopo.

In particolare il film “Shadow Figures” (2016) mostra come la matematica nera Katherine Johnson abbia contribuito al successo di questo programma.

– gemello –

Il programma Gemini, che aveva lo scopo di preparare le missioni sulla Luna, inviò dieci missioni con equipaggio nel 1965 e nel 1966.

La capsula è simile a quella di Mercurio, ma più grande: può contenere due persone (da qui il nome Gemini). Per la prima volta era dotato di un computer di bordo e poteva cambiare l’orbita.

Durante questo programma ha avuto luogo la prima passeggiata spaziale di un americano. Vengono effettuate anche manovre di attracco.

READ  Esport training a Mons: immersione nel mondo dei videogiochi con Activit-E

-Apollo-

Il programma Apollo prevedeva 11 missioni con equipaggio, sei delle quali consentirono a 12 uomini di camminare sulla Luna, tra il 1969 e il 1972.

Sebbene leggendario, fu segnato anche da una tragedia: nel 1967, durante un test a terra prima della prima missione, tre astronauti morirono in un incendio. La missione Apollo 13 si trasformò quasi in un disastro dopo un’esplosione durante il volo.

Il modulo di comando della nave, che ospita l’equipaggio, può ospitare tre astronauti.

“Se guardi all’interno di Gemini, Mercurio e Apollo, vedrai letteralmente centinaia di interruttori e pulsanti”, afferma Eric Seedhouse, assistente professore alla Embry-Riddle Aeronautical University, quando gli astronauti di oggi usano gli schermi.

– navicella spaziale –

I voli dello Space Shuttle, di cui cinque nello spazio, si sono estesi dal 1981 al 2011, per un totale di 135 missioni.

La sua principale innovazione è che è riutilizzabile per la prima volta. Decolla verticalmente ma atterra sulla pista come un aeroplano.

È molto più grande dei suoi predecessori e viene utilizzato specificamente per trasportare oggetti utilizzati per costruire la Stazione Spaziale Internazionale (ISS). Ho portato nello spazio fino a otto persone contemporaneamente.

Fu anche testimone di due drammatici incidenti: nel 1986, la navetta Challenger esplose subito dopo il decollo, e poi nel 2003, la navetta Columbia si schiantò rientrando nell’atmosfera. Ogni volta tutti e sette i passeggeri furono uccisi.

– Drago e Starliner –

Dopo la fine del volo dello Space Shuttle nel 2011, gli astronauti della NASA hanno utilizzato la navicella spaziale russa Soyuz per raggiungere la Stazione Spaziale Internazionale.

Per garantire che possano essere trasportati indietro dal suolo americano, nel 2014 la NASA ha firmato un contratto con Boeing e SpaceX per costruire ciascuna una nave, con l’obiettivo di una prima missione nel 2017.

READ  Pluie de météorites aux enchères, ou la Lune se vend mieux que Mars

SpaceX sta sviluppando la capsula Dragon e inizierà i voli nel 2020, battendo il gigantesco Boeing contro ogni previsione. Decine di persone hanno già volato sul Dragon, sia per la NASA che per missioni speciali.

Eric Seedhouse sottolinea che “ora quasi tutti i sistemi sono automatizzati”, gli astronauti hanno meno da fare e viaggiare è diventato “molto più comodo”.

Come il Drago, lo Starliner deve essere riutilizzabile.

Nonostante i ritardi accumulati da Boeing, Steve Stich, alto funzionario della NASA, ha sottolineato la natura straordinaria di questa nuova era: “Abbiamo avuto sei (di queste navi) nella storia, e due in quattro anni, quindi questa è davvero una grande prima volta”. .”