Agosto 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

È morto Edward O. Wilson, scienziato americano e padre fondatore della biologia sociale

Fu chiamato “l’erede di Darwin”.. È morto all’età di 92 anni il grande scienziato americano Edward Osborne Wilson, esperto di formiche di fama mondiale. Annunciata, lunedì 27 dicembre, la fondazione che porta il suo nome.

Lo scienziato morto domenica in Massachusetts, “Ha dedicato la sua vita allo studio del mondo naturale e ad ispirare gli altri a interessarsene come ha fatto lui”.ha detto l’impresa. Wilson, che ha insegnato a lungo ad Harvard, ha scritto decine di libri, due dei quali hanno vinto il Premio Pulitzer per l’articolo: il primo, nel 1978, per Natura umana, secondo, nel 1990, per formiche.

La persona che è considerata il padre fondatore della biologia sociale ha anche co-inventato il concetto di ” Biodiversità »che lo introdusse in un linguaggio comune. Così ha sostenuto l’importanza di preservare la diversità delle specie e degli ecosistemi. Nel 2007, si è unito a più di due dozzine di leader religiosi e scientifici nella firma di una dichiarazione che chiede cambiamenti urgenti nei valori, negli stili di vita e nelle politiche pubbliche per evitare il catastrofico cambiamento climatico.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri iscritti “Scoprire una nuova specie rimane qualcosa di completamente speciale”: fare il punto su animali e piante è un compito arduo

Era molto critico nei confronti di una delle sue teorie

la rivista volta Lo ha descritto come avere “Una delle più grandi carriere scientifiche nel XXe un secolo “ Ha messo in evidenza il suo lavoro nella mappatura del comportamento sociale delle formiche, in cui ha mostrato che le loro colonie comunicano tramite un sistema di feromoni.

READ  Ora è possibile tracciare i satelliti della NASA!

Le teorie di Wilson sulla biologia sociale cambiarono il campo della biologia e riaccesero il dibattito tra natura ed educazione tra gli scienziati. Ha suscitato un’ondata di critiche dopo aver suggerito in uno dei suoi libri che il comportamento umano era in parte il risultato di principi scritti nei loro geni. I critici hanno sostenuto che una tale teoria sostiene l’ingiustizia sociale, compresa la discriminazione contro le donne, sostenendo che la disuguaglianza è incorporata nei geni umani.

Tuttavia, l’entomologo è ancora molto rispettato. Lo scienziato Stephen Pinker ha espresso il suo dolore per la morte di A “Grande mondo”. “Non eravamo d’accordo su alcune cose, ma ciò non ha influito sulla sua generosità e sulla sua disponibilità a discutere”.e twittato.

Le Monde con The Associated Press e Agence France-Presse