Giugno 6, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Due missili sono caduti vicino a un giornalista belga nel bel mezzo di un’intervista a Bakhmut: “Non vedo più niente” (video)

Giornalista di punta per Bruzz, Arnaud De Decker ha scelto lo scorso anno di partire per l’Ucraina per diventare corrispondente estero per diversi media, tra cui Het Laatste Nieuws, o per il programma Quotidiano di Jan Bart

Due giorni fa c’era il tizio di Bruxelles Punto caldo davanti a BakhmutCon la 92a brigata dell’esercito ucraino quando due missili russi sono esplosi a decine di metri da essa.

“Con un soldato ucraino di 25 anni, ci siamo avvicinati al fronte, a circa 500 metri dai russi. Lì ci siamo rifugiati tra le rovine di un edificio che era stato fatto saltare con la dinamite”, ha detto a Broz Arnaud de Dekker. Stava intervistando il giovane soldato, filmando lo scambio, quando è avvenuta la prima esplosione di missili. Ne è seguito subito un secondo, a una decina di metri dal gruppo, come spiega il giornalista: “È iniziato con un fischio molto vicino. Poi c’è stata l’esplosione. C’era fumo nero ovunque, non vedevo niente. Uno squillo le mie orecchie e il soldato con cui ero era Lui grida “.

Guerra in Ucraina: Wagner afferma di controllare Bakhmut “in senso legale”, Kiev afferma di “tenere”

Dopo essere stato avvistato dalle forze russe, Arnaud ei soldati che lo accompagnavano sono fuggiti dal loro nascondiglio, correndo per 500 metri per ripararsi altrove. “Avevo un crampo alla gamba destra. Ma in quei momenti non pensiamo. Stiamo correndo, tutto qui. È solo sopravvivenza”.

Per il belga, dopo un’esperienza così “estremamente intensa”, è tempo di riposo. Ha intenzione di tornare in Belgio prima o poi, ma per ora vuole continuare a riferire sulla realtà sul campo in Ucraina e sulla vita quotidiana delle forze di Volodymyr Zelensky.

READ  "Questo premio è diventato una farsa".

A Kostroma la gente assiste alla morte di un russo: “Quando finirà?”