Aprile 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo un anno… | zonbursi

Dopo un anno… |  zonbursi

L’ultima sessione di negoziazione di questa settimana coincide con il primo anniversario dell’invasione russa dell’Ucraina. Molte cose sono cambiate da allora, se mi permettete una transizione degna dell’annuale Open Door Sinking Award. Ma non l’ossessione dei mercati finanziari per la politica monetaria statunitense, poiché questo pomeriggio è prevista una nuova tornata su un’altra statistica dei prezzi.

Ancora una volta, gli investitori vedono i dati sull’inflazione PCE previsti questo pomeriggio negli Stati Uniti come un potenziale punto di svolta per i mercati. Fino al prossimo potenziale punto critico, ai finanzieri piace fare affidamento su questo tipo di pietre miliari. In effetti, le conseguenze sono raramente bilaterali. Vediamo di cosa stiamo parlando e cosa comporta.

Gli Stati Uniti pubblicano due tipi principali di inflazione mensile. La cosiddetta inflazione CPI, che misura l’andamento generale dei prezzi e che viene pubblicata nella seconda settimana dopo la fine del mese. E la cosiddetta inflazione della spesa per consumi personali, dieci giorni dopo. PCE è l’acronimo di Spesa per consumi personali. Si concentra sui prezzi che gli individui pagano per beni e servizi, il che aiuta a migliorare i modelli di consumo. È chiaramente la misura dell’inflazione che la Fed osserva di più, in particolare la misura chiamata Core Personal Consumption Expenditures, che esclude l’impatto di energia e cibo. Per quanto riguarda la statistica che ci interessa oggi, gli economisti ritengono che l’inflazione PCE core sia aumentata dello 0,4% tra dicembre e gennaio, una variazione annua del 4,3%, che è una diminuzione rispetto a dicembre (4,4%). E come promemoria, solo perché l’aumento dei prezzi è più forte di mese in mese non significa necessariamente che l’aumento di anno in anno sia più alto, perché la base per il confronto è diversa.

Questo è per l’interpretazione. Per quanto riguarda le ricadute, beh, si applica il solito principio: la peggiore sorpresa possibile sarebbe un’inflazione più alta del previsto, poiché gli investitori temono che la Fed alzerà i tassi di interesse oltre le aspettative attuali, o anche per un periodo più lungo.

READ  Il magnifico palazzo accanto alla stazione di Zaventem è in vendita... per 3 milioni di euro

Questo per quanto riguarda il principale evento macroeconomico della giornata, che è preceduto dalle nuove pubblicazioni dei risultati societari: Saint-Gobain, Holcim, Booking, Valeo o BASF in particolare. La seconda parte della testimonianza scritta è seguita da un elenco più completo. I risultati dell’azienda sono ancora forti e ieri hanno contribuito a far sorridere la maggior parte degli indici. In Europa ne hanno beneficiato i mercati ricchi di titoli ciclici, con modesti guadagni a Parigi, Francoforte, Milano e Madrid. Wall Street all’inizio è stata riluttante, e ha preso la via del rialzo, grazie in particolare al Nasdaq a motivazioni sinusoidali, dopo le forti aspettative per Nvidia, il cui titolo è salito del 14%. Si noti che, al contrario, questa mattina Hong Kong pesa sui risultati di Alibaba.

Non ti sfuggirà che l’esercito russo ha invaso l’Ucraina un anno fa fino ad oggi. L’attacco è avvenuto nella notte tra il 23 e il 24 febbraio 2022. È interessante osservare le impressioni a caldo, quindi sono andato a vedere cosa avevo scritto in quel momento. A volte questo tipo di esercizio riserva spiacevoli sorprese. Ma per una volta, mi sono dato un pollice in su. “Per i mercati finanziari”, ha scritto, “questa aggressione è un’ulteriore fonte di stress. Inoltre complica il problema dell’inflazione aggiungendo una variabile all’equazione, non proprio nel senso di mitigare l’aumento dei prezzi. Allacciate le cinture”. Come cosa, non sto parlando solo di carabistouilles. Al di là di questo clamore, ho passato in rassegna i vari livelli di asset a partire dalla mattina del 24 febbraio 2022:

  • Il greggio Brent ha superato la soglia dei 100 dollari. Costa 82 dollari ed è un po’ corto.
  • L’oro è balzato a 1943 dollari l’oncia. Attualmente ha un prezzo di $ 1.828.
  • Le materie prime agricole sono salite alle stelle così come i minerali industriali, attualmente al di sotto del livello del 24 febbraio 2022 (esclusi i bovini vivi, che è leggermente superiore).
  • Bitcoin stava flirtando con $ 39.000. Ha un prezzo di $ 23.900 USD.
  • Il rendimento dell’obbligazione statunitense a 10 anni è stato dell’1,87%, poiché la Federal Reserve deve ancora iniziare ad aumentare i tassi di interesse. Lo farai a marzo.

Un anno di attività: solo il CAC40 è salito nel periodo…

Quindi ci sono state grandi turbolenze da quella data, anche se le preoccupazioni iniziali sui prezzi del petrolio e dei prezzi delle materie prime sono svanite. Ovviamente più veloce dell’inflazione. La guerra non sembra più fugace degli aumenti dei prezzi, se usiamo connotazioni ormai famose.

In netta ripresa il Giappone, che guadagna l’1,3%, a margine della prima audizione parlamentare del futuro governatore della Banca del Giappone Kazuo Ueda. La borsa di Tokyo è stata chiusa ieri per un giorno festivo. L’Australia ha chiuso una serie di ribassi di tre sessioni recuperando lo 0,3%. La Cina continua ad apparire cupa con l’Hang Seng a -1,4% a Hong Kong e il CSI300 a -1% a Shanghai. L’Hang Seng ha perso il 10% in un mese. Dopo il forte rimbalzo di ieri, la Corea ha registrato un calo ribassista (-0,6%). Questa mattina i principali indici europei si mantengono più o meno bene in verde, indicando una tendenza rialzista nei primi scambi.

Gli eventi economici più importanti della giornata

Reddito e spesa delle famiglie statunitensi e inflazione della spesa per consumi personali in programma alle 14:30 L’intero ordine del giorno è qui. Questa mattina il Giappone ha riportato un’inflazione annua del 4,2%, leggermente inferiore alle attese.

L’Euro scende sotto quota 1,06 USD. Un’oncia d’oro rimane sotto pressione a 1.824 dollari. Il petrolio si sta svegliando, con il Brent del Mare del Nord a 82,53 dollari al barile e il WTI light a 75,94 dollari. prestazione debito degli Stati Uniti In 10 anni è leggermente diminuito al 3,87%. Bitcoin sta scendendo non lontano da $ 24.000.

Grandi cambiamenti nelle raccomandazioni

  • Accor: Stifel passa dalla vendita alla sospensione, puntando a 32 euro.
  • Arkema: Jefferies sta ancora acquistando, puntando ad alzare il prezzo da 130 a 142 euro.
  • Autoneum: UBS rimane neutrale con un obiettivo di prezzo da CHF 115 a CHF 135.
  • AXA: Berenberg rimane sul lato lungo con un obiettivo di prezzo in rialzo da 32,20 a 33 EUR.
  • Cembra: Credit Suisse continua a sovraperformare con l’aumento del prezzo target da CHF 92 a CHF 93.
  • Do & Co: Jefferies rimane long con un obiettivo di prezzo compreso tra € 125 e € 145.
  • Jenoptik: Berenberg rimane al comando con l’obiettivo di prezzo aumentato da 35 a 38 EUR.
  • Royal Unibrew: Handelsbanken passa da buy a hold.
  • Stellantis Jefferies rimane long con un obiettivo di prezzo compreso tra 18 e 21 EUR.
  • Sulzer: Credit Suisse continua a sovraperformare con l’obiettivo di prezzo alzato da CHF 103 a CHF 106.

in Francia

Risultati aziendali (i commenti sono immediati e non influiscono sull’andamento dei titoli)

  • Fanak Darti: I risultati sono peggiorati. Il titolo è salito ieri tra le voci di interesse per il rafforzamento di Daniil Krytinsky nella capitale.
  • Saint-Gobain: nel 2023 punta a raggiungere un margine operativo compreso tra il 9% e l’11%.
  • Valeo: punta ad aumentare il margine e il fatturato nel 2023.

Annunci importanti (e meno importanti).

Nel mondo

Risultati aziendali (i commenti sono immediati e non influiscono sull’andamento dei titoli)

  • Amadeus: Continua
  • BASF: Il gruppo tedesco ha pubblicato i suoi risultati trimestrali. Ha annunciato la perdita di 2.600 posti di lavoro per far fronte alla crisi energetica.
  • Beyond Meat: il titolo guadagna il 14% fuori sessione dopo la pubblicazione della rivista trimestrale.
  • Holcim: Il produttore di cemento ha registrato risultati migliori del previsto. Il rendimento è particolarmente forte a CHF 2.50.
  • United International Airlines: continuare

Annunci importanti (e meno importanti).

Lezioni