Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo un anno di riposo per i dipendenti di TotalEnergies?

Dopo un anno di riposo per i dipendenti di TotalEnergies?

pubblicato

in LussemburgoDopo un anno di riposo per i dipendenti di TotalEnergies?

Lussemburgo – Secondo TotalEnergies, ai dipendenti verrà garantito un impiego per un anno dopo la vendita alla canadese Couche-Tard.

Su un piano di parità

Nicolas Martin e Jean-Francois Collin

A metà marzo, la notizia ha avuto l’effetto di una notizia bomba. TotalEnergies unirà le forze con il gruppo di distribuzione canadese Couche-Tard per gestire 619 stazioni delle sue reti belghe e lussemburghesi. L’accordo (TotalEnergies 40% e Couche-Tard 60%) dovrebbe concludersi entro la fine del 2023. Tuttavia, l’accordo per “massimizzare le vendite esclusi i combustibili derivati ​​dal petrolio” ha rapidamente scosso i sindacati in Belgio. E in Lussemburgo? Qual è l’impatto di tutto ciò sulle 470 persone che lavorano nelle stazioni (45) e sulle 65 in sede? Come in Belgio, le garanzie scadono alla fine del 2024.

“Couche-Tard si impegna a mantenere la forza lavoro e i diritti dei dipendenti trasferiti per almeno un anno dopo la vendita di queste attività”, osserva “L’essentiel” TotalEnergies Luxembourg, che osserva che “la rete rimarrà sotto il marchio TotalEnergies fintanto che l’azienda continua a rifornirla di carburante per almeno cinque anni. Il processo “non porterà ad alcun cambiamento nello status giuridico del datore di lavoro”, definisce il gruppo. I dipendenti delle entità cedute rimarranno dipendenti di tali entità. Lo stesso per i dipendenti delle controllate delle entità lussemburghesi cedute.

“Garanzia salariale fino al 31 dicembre 2024”

Di conseguenza, aggiunge Total Luxembourg, tutti i contratti di lavoro in vigore alla data del trasferimento continueranno senza modificarne le disposizioni, in particolare l’anzianità e la retribuzione. (…) Tutto ciò che consiste nel contratto collettivo, negli accordi societari e di impresa, negli usi e negli obblighi unilaterali vigenti all’interno degli enti di nuova costituzione e delle rispettive società controllate, stipulato a fine dicembre 2022 prevede una garanzia salariale fino al 31 dicembre 2024.

READ  Appena arrivata, Ryanair è già controversa

Ma allora? Al momento non ho altre informazioni, ma la cosa più importante è la garanzia dei salari. “Non c’è nulla di cui preoccuparsi al momento”, ha aggiunto la federazione. Tuttavia, Couche-Tard non aveva intenzione di comunicare i suoi piani a medio termine. TotalEnergies giustifica il fatto che l’accordo resti subordinato a “un processo di consultazione con gli organi di rappresentanza dei lavoratori e all’ottenimento delle necessarie autorizzazioni da parte delle autorità garanti della concorrenza”.

Non vuoi perderti nessuna novità in Lussemburgo? Non perdere le tracce e trova tutte le informazioni sul Granducato in poche parole nel nostro feed seguendo questo link.