Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo SpaceX, anche Blue Origin farà atterrare gli astronauti sulla Luna

Dopo SpaceX, anche Blue Origin farà atterrare gli astronauti sulla Luna

Washington (awp/afp) la luna.

La sonda è stata selezionata per la missione Artemis 5, prevista per il 2029. Dovrà prima dimostrare la sua sicurezza atterrando sulla Luna senza equipaggio.

“Onorato di far parte di questo viaggio con la NASA”, ha dichiarato venerdì su Twitter il miliardario Jeff Bezos, fondatore di Blue Origin.

Il valore del contratto è di 3,4 miliardi di dollari, ma John Collores, vicepresidente del trasporto lunare per Blue Origin, ha dichiarato in una conferenza stampa che la società stessa contribuirà “ben oltre” tale importo allo sviluppo della nave.

Il programma Artemis è il programma di ritorno lunare statunitense, costituito da missioni di difficoltà crescente.

È iniziato con la missione Artemis 1, che lo scorso autunno ha inviato un veicolo spaziale intorno alla luna, senza pilota. La missione Artemis 2 invierà quattro astronauti attorno alla Luna nell’autunno del 2024, senza atterrarvi. È stato recentemente rivelato chi sono i fortunati vincitori, tre americani e un canadese.

Artemis 3 sarà quindi la prima missione a far atterrare astronauti sulla superficie lunare dal 1972. È ufficialmente prevista per la fine del 2025, un programma che si ritiene non sarà rispettato.

Anche le prossime due missioni, Artemis 4 (nel 2028) e Artemis 5 (nel 2029), atterreranno sulla Luna, ma prima passeranno attraverso una nuova stazione spaziale in orbita lunare, Gateway – che ancora non esiste.

confluenza

Nel 2021, la NASA ha selezionato SpaceX per costruire il lander Artemis 3. Il valore del contratto era di 2,9 miliardi di dollari, anche se anche SpaceX ha contribuito allo sforzo superando tale importo.

READ  Il nucleo interno, questo ridicolo "seme" con un raggio di 1.200 chilometri al centro della Terra

Blue Origin, anch’essa in lizza per questo primo contratto, ha sporto denuncia contro la Nasa, accusandola di aver scelto una sola compagnia anziché due come aveva proposto. Ma la denuncia è stata respinta.

Nel 2022, la NASA ha anche selezionato SpaceX per il lander della missione Artemis 4.

Allo stesso tempo, l’agenzia spaziale statunitense ha lanciato una gara d’appalto per altre società per il resto del programma.

“Vogliamo più concorrenza. Vogliamo due lander”, ha detto venerdì il capo della NASA Bill Nelson. “Ciò significa che hai più affidabilità e un’alternativa di backup.”

Soprannominato Blue Moon, il lander Blue Origin sarà alto 16 metri e peserà 45 tonnellate quando sarà riempito con il proprio carburante: idrogeno liquido e ossigeno.

Diverse aziende sono coinvolte nel progetto: Boeing, Draper, Astrobotic, Honeybee Robotics e Lockheed Martin.

Quest’ultimo sarà responsabile dello sviluppo di una componente cruciale. Una volta in orbita lunare, Blue Moon avrà effettivamente bisogno di fare rifornimento prima di poter atterrare e riunire gli astronauti dalla superficie lunare.

Lockheed Martin dovrebbe sviluppare una sorta di navetta, che sarebbe responsabile del rifornimento di carburante di Blue Moon attorno alla luna.

Blue Origin prevede di utilizzare il razzo New Glenn, che non ha mai volato prima, per lanciare sia il lander che lo shuttle.

Introduzione a Marte

Gli astronauti decolleranno a bordo della capsula Orion, spinta verso la luna dal nuovo enorme razzo SLS della NASA. Questi due oggetti sono stati testati in bianco durante Artemis 1 e saranno testati con l’equipaggio durante Artemis 2.

Per Artemis 3, invierà Orion direttamente al lander di SpaceX. Quindi due astronauti atterreranno sulla Luna per circa una settimana (altri due rimarranno su Orione). Terminati gli esperimenti, gli avventurieri torneranno sul lander, l’Orion, che riporterà sulla Terra i quattro membri dell’equipaggio.

READ  Perché hacker e truffatori prendono di mira il tuo account itsme

Quindi, Orion sarà collegato alla stazione spaziale Gateway e gli astronauti la attraverseranno prima di salire a bordo di un veicolo spaziale SpaceX (Artemis 4) o Blue Origin (Artemis 5).

Tutte queste missioni prendono di mira il polo sud della luna, dove c’è acqua sotto forma di ghiaccio.

La sonda SpaceX sarà una versione modificata della navicella Starship, attualmente in fase di sviluppo in Texas. L’aereo è esploso durante la sua prima grande corsa di prova ad aprile.

L’obiettivo del programma Artemis è imparare a vivere sulla Luna, in modo da testare tutte le tecnologie necessarie per un viaggio più pericoloso: verso Marte.

afp/rp