Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo la Cina, anche Putin reagisce alla morte di Henry Kissinger

Dopo la Cina, anche Putin reagisce alla morte di Henry Kissinger

Reazione russa

Il presidente russo Vladimir Putin ha reso omaggio a “uno statista saggio e visionario”. Putin ha osservato, secondo un comunicato stampa del Cremlino, che “il nome di Henry Kissinger è strettamente legato a una politica pragmatica che ha portato all’allentamento delle tensioni internazionali e ad accordi molto importanti tra Stati Uniti e Unione Sovietica che hanno contribuito a rafforzare la sicurezza globale”. Lo afferma una lettera di condoglianze indirizzata alla moglie dell’ex diplomatico.

La Cina è stata colpita dalla scomparsa del suo “vecchio amico” Kissinger

Il ministero degli Esteri cinese ha elogiato il “contributo storico” dato da Henry Kissinger alle relazioni sino-americane, descrivendo l’uomo come “un vecchio e buon amico del popolo cinese”.

Il portavoce del ministero Wang Wenbin ha detto che Kissinger “ha sostenuto a lungo lo sviluppo delle relazioni Cina-Stati Uniti, avendo visitato la Cina più di cento volte e dato un contributo storico alla promozione della normalizzazione” delle relazioni tra i due paesi.

“Durante la sua vita, il dottor Kissinger ha attribuito grande importanza alle relazioni tra Cina e Stati Uniti, ritenendo che fossero vitali per la pace e la prosperità dei due paesi e del mondo”, ha aggiunto Wang.

È morto Henry Kissinger, l’uomo che cambiò il corso della storia

Il presidente cinese Xi Jinping, che ha incontrato il massimo diplomatico a Pechino a luglio, ha inviato le sue condoglianze al suo omologo americano Joe Biden, secondo Wang.

Secondo Wang Wenbin, anche il premier Li Qiang e il ministro degli Esteri Wang Yi hanno inviato messaggi di cordoglio.

“La Cina e gli Stati Uniti dovrebbero ereditare la visione strategica, il coraggio politico e la saggezza diplomatica del dottor Kissinger e andare avanti”, ha detto Wang.

READ  Georges-Louis Bouchez sul conflitto israelo-palestinese: “C’è una condanna del cambiamento della geometria che è molto scandalosa”

Il portavoce ha sottolineato che i due paesi devono “impegnarsi al rispetto reciproco, alla coesistenza pacifica e alla cooperazione vantaggiosa per tutti”, chiedendo “consenso”.

Macron elogia il “gigante della storia”

Il capo dello Stato ha affermato che il presidente francese Emmanuel Macron ha elogiato Henry Kissinger e ha elogiato il “gigante della storia” in un messaggio sul mondo dei social network.

“Il mondo sta perdendo un grande diplomatico”, afferma Schultz.

Giovedì il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha accolto con favore il grande impegno di Henry Kissinger a favore dell’amicizia tra Germania e Stati Uniti, affermando che il mondo sta perdendo un “grande diplomatico”.

Henry Kissinger, fuggito dalla Germania nazista per stabilirsi con la famiglia negli Stati Uniti, “è sempre rimasto legato al suo Paese d’origine”, ha aggiunto il cancelliere tedesco sul suo account sul sito X (ex Twitter), dopo aver annunciato la morte di questa grande figura della diplomazia americana all’età di cent’anni.

Il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha affermato che il mondo sta perdendo un “grande statista”. “Anche quando aveva 100 anni, la sua saggezza e il suo pensiero risaltavano. Era un grande statista e un diplomatico molto rispettato che ci mancherà molto sulla scena internazionale”, ha reso omaggio su X (ex Twitter).

L’Ucraina loda “l’eredità” di Kissinger ma prende di mira il diplomatico “controverso”.

Il “patrimonio intellettuale” del diplomatico americano Henry Kissinger “ha continuato a influenzare” la “diplomazia e il mondo” del 10 dicembre 2017, una dichiarazione rilasciata da parte del Ministero degli affari esteri ucraino. “La sua eredità intellettuale continuerà a influenzare la comprensione della diplomazia e dell’ordine mondiale”, ha detto il ministro Dmytro Kuleba su X (ex Twitter).

READ  Guerra in Ucraina: le lapsus malheureux di Joe Biden (video)

Il capo dell’amministrazione presidenziale ucraina, Andriy Yermak, si è dichiarato “triste”. Ermack ha aggiunto: “Era una figura controversa ma innegabilmente eccezionale. Ricorderemo la sua leadership e il suo impegno nella cooperazione internazionale”.

Kissinger, paladino della realpolitik, si oppone da tempo all’adesione di Kiev alla NATO, e in particolare ha suggerito di accettare l’annessione della penisola ucraina di Crimea da parte della Russia nel 2014, cosa inaccettabile per Kiev.

Lo scorso gennaio, quasi un anno dopo l’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, ha finito per sostenere l’adesione di Kiev alla NATO.

All’epoca disse: “Prima di questa guerra, ero contrario all’adesione dell’Ucraina alla NATO perché temevo che ciò avrebbe portato allo stesso processo a cui stiamo assistendo ora”. “Ma ora che il processo ha raggiunto questo livello, un’Ucraina neutrale in queste circostanze non ha più senso”, ha sottolineato, aggiungendo che “l’adesione dell’Ucraina alla NATO sarebbe un risultato appropriato” una volta risolto il conflitto.

L’America ha perso una delle sue “voci più ascoltate in politica estera”.

Mercoledì l’ex presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha reso omaggio all’ex segretario di Stato Henry Kissinger, il quale ha affermato che l’America ha perso “una delle voci più certe e più ascoltate in politica estera”.

Il repubblicano ha aggiunto in una dichiarazione che il fatto che un uomo del genere, un rifugiato dalla Germania nazista, sia riuscito a diventare il capo della diplomazia americana “parla della sua grandezza e della grandezza dell’America”.