Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Un’amicizia tutt’altro che chiara

Un’amicizia tutt’altro che chiara

ShAncora una volta Vladimir Putin e Xi Jinping, giovedì 16 e venerdì 17 maggio, hanno organizzato il loro concerto “Amicizia senza confini” In occasione della seconda visita del presidente russo a Pechino in sette mesi, un viaggio che costituisce il suo quarantatreesimo incontro con il presidente cinese da quando è salito al potere nel marzo 2013, e che costituisce un record nella storia delle relazioni tra i due paesi .

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Xi Jinping ha ricevuto Vladimir Putin, per mettere alla prova l’amicizia “sconfinata” tra Russia e Cina

Dal suo arrivo al Cremlino nel 2000, questa è la prima volta che Vladimir Putin sceglie la Cina per la sua prima visita all’estero dopo la sua elezione. Un modo per ricambiare un complimento a Xi Jinping, che ha visitato Mosca nel marzo 2013 e nel marzo 2023 quando si è insediato come presidente della Repubblica popolare cinese.

Se aggiungiamo le 18 conversazioni telefoniche che i due leader hanno avuto, soprattutto per festeggiare i rispettivi compleanni, non passerebbero due mesi senza che si parlassero direttamente. Questi due animali politici, che non possono essere descritti come amichevoli, bevono allegramente il pane insieme o chiacchierano in modo informale sui gradini del Cremlino mentre Vladimir Putin accompagna il suo ospite alla sua macchina.

Vicinanza reale

Fino al 2022, la maggior parte degli osservatori occidentali riteneva che questo accordo fosse solo di facciata. Il rapporto tra i due paesi era molto sbilanciato. Le stesse persone spiegarono dieci anni fa che Xi Jinping lo era “Il nuovo Gorbaciov”. Questo non è il caso. Xi Jinping non è un riformista e la sua vicinanza a Vladimir Putin è reale.

READ  Germania e Polonia temono una catastrofe ambientale

Durante il loro incontro a margine delle Olimpiadi invernali di Pechino, il 4 febbraio 2022, e durante i loro scambi al Cremlino tredici mesi dopo, i due uomini hanno annunciato il colore. Insieme intendono costruire un nuovo ordine mondiale post-occidentale. Questa alleanza non è ovvia, a causa della sfiducia e persino dell’ostilità che da tempo prevale tra i due paesi, ma anche a causa delle differenze fondamentali tra gli anni Settanta.

Anche se le loro nascite sono avvenute a meno di un anno di distanza (ottobre 1952 per Putin e giugno 1953 per il presidente Xi), è difficile immaginare due giovani più diversi. Nato in una famiglia umile, Putin studiò legge e, dopo essere entrato nel KGB, fu inviato nella Germania dell’Est nel 1985. Dettaglio interessante: sua madre lo avrebbe battezzato nonostante i rischi che comportava. In confronto, Xi ha avuto un’infanzia d’oro. Fino all’età di nove anni era figlio di uno degli uomini più potenti del paese, amico intimo di Mao. Tutto cambiò nel 1962 quando suo padre, accusato di aver permesso la pubblicazione di un libro che poteva sembrare una velata critica a Mao, fu arrestato e mandato a soffrire in un territorio dal quale non fece ritorno fino al 1978.

Hai il 52,4% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.