Giugno 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo il raid della polizia all'ambasciata messicana in Ecuador, una crisi diplomatica e un'ondata di condanna internazionale – Liberazione

Dopo il raid della polizia all'ambasciata messicana in Ecuador, una crisi diplomatica e un'ondata di condanna internazionale – Liberazione
Il personale diplomatico messicano ha lasciato l'Ecuador domenica 7 aprile, due giorni dopo che la polizia ha fatto irruzione nella sua ambasciata, denunciata dalle Nazioni Unite e da diversi paesi del continente.

L'ambasciatore se ne va e la sua squadra è con lei. Due giorni dopo che un raid della polizia nella missione diplomatica messicana a Quito aveva scatenato la protesta internazionale, il personale diplomatico messicano ha lasciato l'Ecuador. Il Ministero degli Esteri messicano ha annunciato sabato che 18 diplomatici e i loro familiari sono partiti domenica 7 aprile con un volo commerciale diretto in Messico. Tra loro c’è l’ambasciatrice Raquel Seror – che è stata dichiarata “Persona indesiderata» Dall'Ecuador – e il capo della missione diplomatica, Roberto Canseco. Tutti sono stati accompagnati all'aeroporto dai dipendenti di “Paesi amici e alleati“Chi ha suggerito”Orologio” Essi “sicurezza», Dettagli Ministero.

Venerdì la polizia ecuadoriana ha fatto irruzione nell'ambasciata messicana per arrestare l'ex vicepresidente ecuadoriano Jorge Glas, accusato di corruzione, che vi si era rifugiato. Si tratta di un intervento senza precedenti nella storia moderna, che è stato condannato dai governi di sinistra in America Latina, dal Brasile al Venezuela al Cile, e persino dal presidente ultra-liberale argentino Javier Miley. La maggior parte di loro ha citato la Convenzione di Vienna, che garantisce l'inviolabilità delle ambasciate.

“Una flagrante violazione del diritto internazionale”

Il segretario generale delle Nazioni Unite António Guterres ha dichiarato sabato:Avvertimento“Con il raid, ritenendo che qualsiasi violazione del santuario diplomatico”Mette a repentaglio la continuazione delle normali relazioni internazionali», secondo il suo portavoce. Il presidente dell’Honduras Xiomara Castro, che detiene la presidenza ad interim della Comunità degli Stati Latinoamericani e dei Caraibi (CELAC), ha convocato lunedì una riunione d’emergenza. Gli Stati Uniti – che condannanoQualsiasi violazione della Convenzione di Vienna“Incoraggiare Messico ed Ecuador”.Risolvere le loro controversie in conformità con gli standard internazionali“, ha detto un portavoce del Ministero degli Affari Esteri.

READ  L'Ucraina di fronte alla strategia russa di "guerra insopportabile"

Ha condannato il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador “Una flagrante violazione del diritto internazionale e della sovranità del Messico” Ha detto che intende portare il caso alla Corte internazionale di giustizia. Nel processo, l’esecutivo ha annunciato l’immediata rottura delle relazioni diplomatiche con l’Ecuador, e sabato il Nicaragua ha seguito l’esempio. Sabato a Città del Messico la tensione era alta e una cinquantina di persone hanno manifestato davanti all’ambasciata ecuadoriana, cantando “fascistaPer quanto riguarda l'ambasciata messicana a Quito, sabato è stata circondata dalla polizia e la bandiera nazionale è stata rimossa dal pennone nel cortile dell'edificio.

Quito ha denunciato l'intervento

Fonti governative hanno riferito che Jorge Glass (54 anni) è stato trasferito in un carcere di massima sicurezza a Guayaquil, nel sud-ovest dell'Ecuador. Il Messico gli ha concesso l'asilo venerdì, ma si trova nell'ambasciata dal 17 dicembre. Keto è stato descritto come“illegale” Ha denunciato la decisione messicana “Abuso di immunità e privilegi” Dandolo all'ambasciata e interferendo nei suoi affari interni. La concessione dell'asilo è arrivata il giorno dopo la decisione dell'Ecuador di espellere l'ambasciatore messicano a Quito, dopo le critiche del presidente messicano riguardo allo svolgimento delle elezioni presidenziali ecuadoriane del 2023.

Jorge Glas, vicepresidente dal 2013 al 2017 sotto l'ex presidente socialista Rafael Correa (2007-2017), è accusato di appropriazione indebita di fondi pubblici stanziati per la ricostruzione delle città costiere dopo il terremoto del 2016. In un altro caso, è stato condannato in un altro caso. Nel 2017 è stato condannato a sei anni di carcere con l'accusa di corruzione in uno scandalo diffuso che ha coinvolto il gigante brasiliano dell'edilizia Odebrecht. È stato rilasciato lo scorso novembre.

READ  Naufragio di migranti in Italia: il bilancio delle vittime sale a 34

aggiornare Domenica 7 aprile alle 17,40 con la partenza effettiva dello staff messicano dall'Ecuador.