Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Donald Trump sta guadagnando tempo: il suo storico processo penale è stato rinviato

Donald Trump sta guadagnando tempo: il suo storico processo penale è stato rinviato

Venerdì un giudice di New York ha rinviato a metà aprile lo storico processo penale contro Donald Trump previsto per il 25 marzo sul caso di pagamenti nascosti a un'attrice di film per adulti, offrendo una nuova tregua al candidato alla presidenza.

L'ex presidente degli Stati Uniti (2017-2021), che spera di essere rieletto il prossimo novembre contro l'uscente Joe Biden, cerca da mesi di ritardare il più possibile l'apertura dei quattro processi penali che lo vedono protagonista provato. .

Nel caso dei pagamenti all'ex pornostar Stormy Daniels, con la quale Trump avrebbe avuto una relazione adultera nel 2006, il processo è stato “rinviato di 30 giorni dalla data” del 14 marzo, ha stabilito il giudice della Corte Suprema. (Tribunale di primo grado, ndr) Per lo Stato di New York a Manhattan, Juan Merchan.



In effetti, giovedì il procuratore distrettuale di Manhattan Alvin Bragg ha dato il via libera a rinviare il procedimento di 30 giorni.

Ciò significa che quelle che dovrebbero essere udienze penali senza precedenti – in cui Donald Trump in linea di principio rischia il carcere – potrebbero iniziare a metà aprile.

“Continueremo a lottare per porre fine a questo falso caso”, ha confermato in un comunicato stampa Stephen Cheung, uno dei portavoce di Donald Trump.





tempo di riposo

Secondo il giudice Merchan, la Corte penale suprema si riunirà per un'udienza preliminare il 25 marzo per fissare una nuova data.

READ  Perché Donald Trump è più popolare che mai?

Ciò fornisce una nuova tregua al candidato repubblicano nelle elezioni presidenziali previste per il 5 novembre.





Si prevede che il parco di Manhattan sia “prima di un evento del 25 marzo”, come prima, senza dire: “Sottoposto a un rapporto entro 30 giorni fa per verificare la difesa” di nuovi elementi. Negli ultimi giorni sono state prodotte circa 31mila pagine di nuovi atti giudiziari.

La difesa di Trump ha affermato: “È necessario un rinvio immediato”, pur stimando che “30 giorni non sarebbero sufficienti dato il volume di documenti prodotti”.

Anche gli avvocati di Donald Trump (77 anni) hanno chiesto un rinvio di 90 giorni e hanno chiesto di attendere che la Corte Suprema degli Stati Uniti a Washington si pronunci sulla questione della sua eventuale immunità penale in quanto ex presidente.

L'uomo d'affari e tribuno politico ha da tempo definito “falso” il caso Stormy Daniels e ha negato qualsiasi relazione con questa donna, Stephanie Clifford, il suo vero nome.

Si è dichiarato non colpevole ed è stato accusato di aver nascosto i conti del suo impero immobiliare, la Trump Organization, per nascondere il pagamento di 130.000 dollari alla signora Clifford, prima delle elezioni presidenziali del novembre 2016, da lui vinte.

Il pagamento aveva lo scopo di farlo tacere sulla presunta relazione sessuale che avevano nel 2006, quando il signor Trump era già sposato con Melania.

In questo caso, l'ex presidente deve affrontare 34 casi di frode contabile, punibili con un massimo di 4 anni di reclusione nei casi più gravi.

READ  la France appelle ses ressortissants de passage en Russie à partir

gravità

Donald Trump ha intensificato le sfide e i ricorsi nei quattro procedimenti penali contro di lui, sperando che non venga processato o condannato prima delle elezioni di novembre.

È già riuscito a rinviare il processo federale a Washington, che avrebbe dovuto iniziare il 4 marzo, con l’accusa di tentativi illegali di invertire il risultato delle elezioni del novembre 2020, vinte da Joe Biden.

La procedura è sospesa fino alla decisione della Corte Suprema sulla questione dell'immunità presidenziale, che ha fissato la data per la discussione della questione al 25 aprile e non dovrebbe emettere la sua sentenza prima di giugno o luglio.

Il processo sull’archivio presidenziale, previsto per il 20 maggio, sarà probabilmente rinviato di diversi mesi, poiché il giudice Eileen Cannon vorrebbe un programma sufficientemente distanziato da consentire “flessibilità”, in particolare a causa della potenziale sovrapposizione con altre questioni.

Infine, venerdì il giudice del processo in Georgia con l’accusa di tentativi illegali di invertire i risultati delle elezioni presidenziali del 2020 ha respinto la richiesta del pubblico ministero di licenziarla, ma ha chiesto che la sua squadra fosse riorganizzata.

Questa decisione rimuove un grosso ostacolo allo svolgimento del processo contro l'ex presidente e i suoi quattordici imputati, per il quale non è stata ancora fissata una data.