Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Disobbedire alle istruzioni come quelle di Lehnert van Eetvelt non sempre funziona: “Mi sono ritrovato davanti all’autobus con la mia borsa”.

Disobbedire alle istruzioni come quelle di Lehnert van Eetvelt non sempre funziona: “Mi sono ritrovato davanti all’autobus con la mia borsa”.

secondo. Questo è stato il margine sufficiente a Lennert van Eetvelt per vincere domenica la sua prima gara del World Tour, nel Tour degli Emirati Arabi Uniti. Più che questa impresa sportiva, è stata la malizia mostrata dal 22enne belga a lasciare il segno. Su un palco pianeggiante, il leader del Lotto Dstny ha sorpreso tutti venerdì scivolando nella fase di fuga per un bonus di sei secondi che si è rivelato vincitore. Un capolavoro tattico di Mario Aerts e della direzione sportiva della Nazionale belga? NO. Questa è stata una decisione puramente personale da parte di Van Eetvelt.

“Durante il colloquio con il medico mi sono detto che sarebbe stato bello aumentare i miei watt in anticipo per non perdere la forma fisica.”Il belga ha poi sottolineato che le tappe pianeggianti dell'UAE Tour sono un allenamento molto moderato. “E poiché avrebbe potuto permettermi anche di radere qualche secondo, non ho esitato.”

E ha dato i suoi frutti. Per la gioia di tutta la squadra tecnica del Lotto Dstny. “Fin da quando era giovane, Lienert van Eetvelt è un pilota con la reputazione di guidare d'istinto e di fare poco di quello che vuole, quindi quello che ha fatto non mi ha sorpreso affattoanalizzato dal nostro consulente Axel Merckx. Il fatto che abbia potuto vincere in questo modo non faciliterà la sua gestione, anzi. Ma ha vinto, quindi ha ragione. Ben fatto a lui.”

E il suo istinto di corridore, di cui bisogna sempre tenere conto quando si sviluppa la tattica. “C'è sempre un piano di base stabilito dalla squadra e poi sono i sentimenti dei corridori a decidere cosa succederà dopo. Ma bisogna valutare attentamente i pro e i contro dell'iniziativa personale. Il ciclismo rimane uno sport spericolato, con un grande elemento di incontrollabilità, ma se il suo collega si trova in una situazione difficile, allora potrebbe essere un problema”.

READ  L'assist di Kevin De Bruyne, la doppietta "storica" ​​di Haaland: il terrificante duo di City porta a termine il lavoro di Leicester

Il vincitore ha sempre ragione oppure… torna a casa

Alcuni esempi del passato lo dimostrano: la mancanza di rispetto delle istruzioni del team è raramente vista come una buona cosa. Chiedetelo a Warren Bargiel, squalificato dalla Vuelta nel 2017 dalla Sunweb per aver giocato la propria carta nella settima tappa, dove il suo leader, Wilko Kelderman, non ha aspettato, in difficoltà. O a Marc Soler, riclassificato dalla Movistar dopo aver reagito male al fatto di aver dovuto aspettare il suo capitano Nairo Quintana piuttosto che giocarsi una vittoria di tappa alla Vuelta 2019.

Ma il caso più notevole degli ultimi anni è probabilmente quello di David Boucher. Corridore del team FDJ nel 2015, è stato subito escluso dalla sua squadra durante l'Eneco Tour, perché rischiava la fuga. “Mi è stato detto che avevo una possibilità su due di non essere mantenuto nella squadra e ho chiesto al mio direttore sportivo Martial Giant se avevo il permesso di andare in fuga per vedere la classifica della squadra e giocarci”.Si ricorda del naturalizzato francese-belga. “Mi ha avvertito che forse non mi avrebbero ripreso se fossi andato. Ma durante il briefing mattutino, non avevo un ruolo specifico con il mio capitano Arnaud Demar, quindi ho corso un rischio. E in cuffia, durante la gara, Ho ricevuto le variazioni. Pensavo che andasse tutto bene. Okay.”

Nawras

Tutti si chiedevano cosa ci facessi in pantaloncini con una valigia.

Tuttavia, quando iniziarono le trasmissioni televisive, le cose cambiarono. “Martial Gayant ha ricevuto una telefonata da Marc Madiot e dalla direzione per dirmi che dovevo tornare nel gruppo. Mi hanno dato informazioni e mi hanno detto che se non avessi obbedito all'ordine, sarei tornata a casa da sola. Dato che ero davanti, ho deciso di non frenare. Alla fine sono stato ripreso a due o tre chilometri dal traguardo. DeMar è arrivato sesto. Ma quando ho attraversato la linea, ho subito visto che la mia borsa era fuori dall'autobus. Mi hanno detto: non tornerai. Tutti si chiedevano cosa stessi facendo quando indossavo i pantaloncini con una valigia. Dopo questo episodio, Boucher non avrebbe mai più guidato con FDJ.

READ  Tutta l'Europa è già in lizza per questo giovane diavolo rosso: “il nuovo Iniesta” del calcio tutto

Ma il colpo di stato di Van Eetvelt all'UAE Tour non è forse la prova di un progresso? “Forse”, conclude l'uomo che era considerato il re delle rotture. “Il nocciolo della questione è la comunicazione. Se il corridore spiega il suo progetto e il direttore sportivo non è vecchio stile, lo capirà. E a Lotto Dstny, i dipendenti hanno subito un importante restyling. Finché il gruppo è unito e i risultati ci sono, un pilota dal temperamento aggressivo, soprattutto se giovane, non dovrebbe farsi limitare. Altrimenti andiamo contro la nostra natura. “Questo può portare belle sorprese.” Come la prima vittoria in una corsa a tappe del World Tour.

David Boucher ha lasciato l'FDJ dopo aver disobbedito alle istruzioni. © Immagini Notizie