Maggio 16, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

L’attaccante di Celta Vigo condannato a quattro anni di carcere per violenza sessuale

Mercoledì il tribunale di Almeria ha condannato il calciatore Santi Mina a quattro anni di carcere per aver aggredito sessualmente una donna a Mojacar nel giugno 2017. Lo stesso tribunale lo ha assolto dal reato di aggressione sessuale richiesto dal pubblico ministero e dai giurati. che raccomandava pene che andavano da 8 a 9,5 anni di reclusione. È stato condannato a quattro anni di reclusione, e ha anche ordinato che più di 500 milioni delle sue vittime rimangano per 12 anni e paghino un risarcimento di 50mila euro.

Anche lui era sul banco degli imputati e nominato partner durante la prima udienza, e il suo collega David Goldar è stato assolto. Il tribunale lo ha anche accusato, anche se non ha partecipato attivamente alla presunta aggressione sessuale, con la motivazione che non aveva fatto nulla per impedirlo. Il giudice alla fine ha respinto tale accusa.

Santi Mina, che ha impugnato la decisione, è stato arrestato nel 2017 a Mojacar prima di essere processato e rilasciato su cauzione. La giovane ha spiegato di aver avuto rapporti sessuali consensuali con Goldar, ma Santi Mina è rimasta completamente nuda nell’auto dove si trovavano i due amanti, e ha toccato la donna in presenza dell’amico, sebbene la vittima fosse contraria al suo tentativo di avere rapporti sessuali.

Il 26enne Mina ha giocato 36 partite in questa stagione con il Celta Vigo, segnando 9 gol, per un totale di 268 partite dall’inizio della sua carriera. Dopo la decisione del tribunale, il club ha deciso di escluderlo dagli allenamenti: “A seguito della sentenza, il Celta ha deciso di aprire un fascicolo disciplinare nei confronti del giocatore Santiago Mina al fine di chiarire le sue responsabilità professionali. Per questo motivo e in via precauzionale si è deciso di ritirare inizialmente il giocatore dagli allenamenti della prima squadra”.Lo ha detto il club in una nota “Rispetta il diritto di difendere il suo giocatore”. vede se stesso ‘costretto ad agire’ Per quanto riguarda il caso “Il che danneggia gravemente l’immagine del club”.

READ  après la plainte de Roland Duchâtelet, il serait anormal que le Standard ne bouge pas