Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

DIM e CDP italiani raggiungono un accordo preliminare sulla rete a banda larga unica

Telecom Italia (DIM) e l’istituto di credito statale CDP hanno dichiarato domenica scorsa di aver firmato un accordo preliminare che apre la strada a un’unica rete a banda larga mentre l’ex monopolio telefonico del paese lotta per ridurre la propria rete.

Il progetto mira a collegare la rete standard di DIM con il suo concorrente OpenFiber, che è controllato da CDP. L’amministratore delegato Pietro Labriola cerca di rinnovare l’attività di TIM separando completamente la rete fiscale standard dall’attività di servizi.

CDP, secondo investitore di TIM con il 10% e il 60% di fibra aperta, ha affermato in un comunicato che l’intenzione delle parti è di negoziare entro fine ottobre un accordo di tie-up, che controlli la rete integrata.

Il tanto atteso accordo preliminare è stato firmato dai fondi infrastrutturali Macquarie e KKR, che detengono rispettivamente una partecipazione di minoranza in Open Fiber e nell’unità Last Mile Network di TIM.

Entrambi i fondi saranno investitori di minoranza in un’unica società di rete.

KKR ha deciso di aderire allo schema TIM-CDP dopo che TIM ha rifiutato una proposta di 10,8 miliardi di euro (12 miliardi di dollari) dal fondo statunitense prima di controllare DIM e separare le sue immobilizzazioni e servizi.

Dopo essere aumentate del 5% nelle prime contrattazioni, le azioni TIM sono aumentate del 2,3% alle 13:30 GMT, con una performance migliore dell’indice blue chip italiano.

L’Italia vuole creare un unico campione di rete a banda larga per evitare duplicazioni di investimenti e accelerare l’ottimizzazione della fibra e la digitalizzazione della sua economia.

Il CDP controlla anche le società regolate del gas e dell’energia elettrica Snam e Terna.

READ  Fabio Capello critica il modello in italiano

Analisti pragmatici di lunga data stimano che potrebbero essere necessari fino a due anni per il completamento di qualsiasi transazione, previa approvazione delle autorità nazionali ed europee per la riservatezza. Anche gli azionisti di TIM devono votare sull’operazione.

Sotto anni di pressione nel suo mercato nazionale altamente competitivo, la TIM piena di debiti cerca di separarsi dalla sua rete fiscale fissa e raccogliere fondi, che gli analisti stimano un valore compreso tra 15 e 20 miliardi di euro.

Le azioni di TIM sono scese di oltre il 35% quest’anno e sono vicine al livello più basso da marzo dopo che la società ha registrato una perdita annuale record e l’offerta di KKR di chiudere.

Ritirandosi dalla sua infrastruttura di rete, il CEO Labriola ha dichiarato in un messaggio ai dipendenti che hanno visto Reuters lunedì che TIM avrebbe i soldi per migliorare i servizi di dati e connettività per consumatori e aziende.

Fonti hanno detto a Reuters che le opzioni discusse per il quadro finale dell’accordo con OpenFiber includono la vendita diretta di asset di rete DIM, inclusa l’unità internazionale via cavo Sparkle.

La nuova società di rete assorbirà una quota significativa del debito nazionale e del personale di TIM.

Il broker Equida ha affermato che un’uscita del 100% dalla rete aumenterebbe le entrate di TIM, aumentando allo stesso tempo le sue possibilità di ottenere fiducia.

TIM e CDP hanno firmato un accordo preliminare nel 2020, ma il piano, che prevedeva il mantenimento della maggioranza di TIM nella società consolidata, è fallito per questioni politiche, regolamentari e valutative. ($ 1 = 0,9282 euro) (Report di Elvira Polina; Montaggio di Valentina Jah e Susan Fenton)

READ  Ferrovia: l'italiana Tello chiude le sue due rotte dalla Francia