Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Di fronte all’aumento del numero di badanti stranieri in Belgio, il ministro della Salute vuole inasprire i test linguistici: “La lingua è essenziale”

Di fronte all’aumento del numero di badanti stranieri in Belgio, il ministro della Salute vuole inasprire i test linguistici: “La lingua è essenziale”

Negli ultimi 10 anni, il Belgio ha registrato un boom nel numero di lavoratori stranieri nel settore sanitario. La carenza di operatori sanitari spiega in parte questa tendenza in questo settore. Nel nostro Paese, un operatore sanitario su dieci (10,2%) non ha la cittadinanza belga, secondo un sondaggio condotto dalla società di servizi per le risorse umane Acerta sulla base dei dati di 36.000 operatori sanitari. In dieci anni, infatti, l'aumento del numero di lavoratori stranieri è aumentato del 63%.

Cento persone chiedono che l'assistenza sanitaria sia una priorità per i funzionari eletti

Un esempio lampante che illustra questo fenomeno: nel 2022, quasi la metà dei nuovi dentisti proveniva dall’estero. “Uno sviluppo che solleva interrogativi sulla conoscenza delle lingue nazionali da parte dei professionisti e sulla qualità del reclutamentoLo sottolinea la deputata Sophie Rohoni (DéFi). Secondo l’Unione delle Associazioni Sanitarie (UNESSA), i canali di reclutamento al di fuori dell’Unione Europea sono stati abbandonati per mancanza del livello richiesto. Inoltre, dobbiamo evitare che questi processi di reclutamento compromettano il paese di origine. Tra gli operatori sanitari stranieri dell'UE, i primi cinque sono olandesi (26,1%), francesi (22,2%), tedeschi (10,2%), polacchi (8,6%) e rumeni (8,3%).

“La lingua è essenziale negli ambienti sanitari.”

“Il linguaggio è fondamentale in ambito sanitario, i pazienti vogliono essere capiti bene e il caregiver vuole sicuramente capire bene il problema per poter reagire correttamente. spiega Angelo Montesi, Direttore Sviluppo Business Non Commerciale di Acerta. Inoltre, molti lavori nel settore sanitario richiedono una qualifica specifica e le qualifiche ottenute al di fuori dell’UE devono prima essere approvate. Nonostante tutti questi ostacoli, la percentuale di lavoratori non belgi nel settore sanitario continua ad aumentare. Le professioni infermieristiche e assistenziali rimangono fondamentali, quindi è fondamentale che anche le strutture assistenziali cerchino all’estero i talenti giusti per affrontare la carenza di manodopera“.

READ  Le temperature aumenteranno questa settimana in Francia

Sei pronto a lavorare nel settore sanitario?

Di fronte a questa situazione, il ministro della Salute, Frank Vandenbroucke, ha deciso di sottoporre al Consiglio di Stato un progetto di legge che regola il controllo delle conoscenze linguistiche dei professionisti che si stabiliscono in Belgio. Il testo, approvato in prima lettura dal governo, mira a includere la conoscenza linguistica degli operatori sanitari come requisito di qualità nella Legge sulla qualità. Pertanto, ogni operatore sanitario deve parlare fluentemente almeno una delle nostre lingue nazionali ufficiali.

Spero che venga votato prima della fine della sessione legislativa. Lo sottolinea il ministro. È un testo importante per un’assistenza migliore e più sicura. Ma non è meno importante per gli stessi operatori sanitari: in futuro gli operatori sanitari lavoreranno in più team rispetto a oggi e la comunicazione tra loro diventerà ancora più importante. Le restrizioni all'accesso al luogo di formazione riguardano solo medici e odontoiatri. Le quote sono fissate in base al flusso di professionisti che arrivano in Belgio e sono state riviste al rialzo. Anche l'Unione Vallonia-Bruxelles ha ridotto il numero degli studenti di medicina non residenti dal 30% al 15%.“.

Tuttavia, il progetto di legge prevede un’eccezione legale per gli operatori sanitari stranieri che vengono a rafforzare un team in Belgio a causa di un’esperienza eccezionale nell’ambito di una missione specifica. “Prendiamo ad esempio un chirurgo che viene a eseguire una determinata operazione su invito di un collega belga”, spiega Frank Vandenbroucke. L’operatore sanitario belga sarà quindi responsabile della comunicazione con il resto dell’équipe sanitaria e con il paziente.