Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dettagli dell’indagine sull’assalto al Campidoglio Dettagli delle pressioni di Trump su Mike Pence

Al presidente è stato detto più volte che il vicepresidente non può cambiare l’esito di un’elezione. “Ma ha ancora pubblicamente fatto pressioni su Mike Pence affinché facesse proprio questo”, ha detto il democratico eletto Pete Aguilar in un briefing molto dettagliato.

Dopo quasi un anno di indagini, il gruppo di funzionari eletti si sta adoperando per dimostrare che il rifiuto di Donald Trump dei risultati delle elezioni presidenziali del novembre 2020 non è stato solo una cattiva civetteria da perdente, ma è stata una componente essenziale di una strategia ben congegnata per mantenere il potere.

Ciò si è rapidamente concentrato sulla cerimonia di ratifica dei risultati elettorali da parte del vicepresidente Mike Pence davanti al Congresso il 6 gennaio 2021, in linea di principio una semplice formalità.

“Rivoluzione”

La commissione investigativa ha rivelato come l’avvocato John Eastman abbia sviluppato un piano specifico per Donald Trump per sfruttare le scappatoie nella legge elettorale e impedire a Joe Biden di unirsi alla Casa Bianca.

Il presidente eletto Pete Aguilar ha accusato il presidente “di aver escogitato una teoria pericolosa secondo cui non voleva arrendersi perché era convinto che lo avrebbe lasciato rimanere in carica”.

Sotto pressione, Mike Pence si è poi rivolto a diversi esperti legali che gli hanno assicurato di non avere alcun margine di manovra legale e di dover certificare la vittoria di Joe Biden ad ogni costo.

“Credo che se il vicepresidente Pence avesse obbedito agli ordini del suo capo (…) avrebbe fatto precipitare l’America nella rivoluzione nel mezzo di una crisi costituzionale”, ha ammonito il giudice Michael Lutigieg, davanti al comitato.

READ  Impegno vaccinale annullato, riforma elettorale interrotta: Biden vive il vero giovedì nero

Il 6 gennaio 2021, un’ora prima dell’inizio dell’udienza di certificazione, Donald Trump ha comunque tentato un’ultima volta di esercitare quella pressione presentandosi davanti a una folla di Trumpisti rannicchiata a Washington nel freddo gelido.

“Mike Pence, spero che tu combatta per il bene del nostro Paese, per la nostra costituzione. Altrimenti sarei molto deluso”, dice il miliardario repubblicano con tono serio.

“Bandry”

Pochi minuti dopo, Mike Pence ha pubblicato una lettera in cui affermava che non avrebbe obbedito alle pressioni del presidente.

Allo stesso tempo, i manifestanti pro-Trump hanno iniziato a radunarsi attorno al Congresso, le foto sono circolate in tutto il mondo. La sessione del certificato è stata improvvisamente interrotta.

Mentre il vicepresidente e i membri eletti del Congresso vengono evacuati dal caos del Campidoglio, Donald Trump è sconvolto su Twitter dal fatto che Mike Pence “non abbia avuto il coraggio di fare ciò che era necessario per proteggere il Paese”.

Tra la folla che ha preso d’assalto il Congresso, Trump ha chiesto “l’impiccagione di Mike Pence”.

“Quando Mike Pence ha chiarito che non avrebbe rispettato il piano di Donald Trump, quest’ultimo ha sollevato la folla contro di lui”, ha denunciato il presidente della commissione parlamentare Benny Thompson.

Dopo qualche ora, la calma è finalmente tornata nella capitale americana. Dalla circolazione della Camera dei Rappresentanti, il vicepresidente promette che “coloro che hanno seminato discordia” non hanno “vinto” e ratificano formalmente l’elezione di Joe Biden.

Dopo molti mesi di silenzio, Mike Pence ha parlato pubblicamente dell’orrore del 6 gennaio durante un discorso in Florida a metà febbraio.