Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ucraina: verso un candidato “immediato” all’adesione all’UE

I leader francesi, tedeschi, italiani e rumeni hanno annunciato il loro sostegno alla concessione “immediata” dello status ufficiale dell’Ucraina a un candidato all’adesione all’UE.
Una dichiarazione rilasciata dal presidente francese Emmanuel Macron, giovedì, durante una conferenza stampa dei leader europei a Kiev.

Applicazione UE

Francia, Germania, Italia e Romania sono interessate alla concessionesubitoConcedere all’Ucraina lo status di candidato ufficiale per l’adesione all’UE.

Noi quattro sosteniamo lo status di candidato immediato per l’adesioneha detto Emanuele Macron.Questo caso sarà accompagnato da una tabella di marcia e includerà anche la presa in considerazione della situazione nei Balcani e nel vicinato, in particolare in Moldova.“, Ha aggiunto.

I 27 paesi dovranno decidere sulla questione al vertice europeo del 23-24 giugno.

Il processo di negoziazione può richiedere diversi anni.

Forniture per armi

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato giovedì, in una conferenza stampa a Kiev, che la Francia consegnerà all’Ucraina “sei zar aggiuntivi”, cannoni semoventi famosi per la loro precisione.

Oltre ai 12 Cesari che sono già stati consegnati, ho deciso di consegnare altri sei CesariLo ha annunciato il presidente francese dopo l’incontro con il suo omologo ucraino Volodymyr Zelensky, il tedesco Olaf Schulz, l’italiano Mario Draghi e il rumeno Klaus Iohannis.

Da parte sua, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha promesso di aiutare militarmente l’Ucraina.finchè“Il Paese ne avrà bisogno.

Aiutiamo l’Ucraina a consegnare armi e continueremo a farlo finché l’Ucraina ne avrà bisognoHa rassicurato il presidente del Consiglio nel corso di una conferenza stampa congiunta con i vertici ucraini, francesi, italiani e rumeni.

Invito a partecipare al Vertice del G7

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyprima dell’invitoIl cancelliere tedesco ha detto che Olaf Schulz parteciperà al prossimo vertice del G7 alla fine di giugno in Baviera.

READ  Papa Francesco non presiede alla preghiera di fine anno

Grazie, signor Zelensky, per aver accettato il mio invito a partecipare al Vertice del G7”, che si terrà dal 26 al 28 giugno nel complesso del castello di Elmau (sud), ha scritto su Twitter il signor Schulz, senza specificare se il signor Zelensky, che non ha lasciato l’Ucraina dall’inizio dell’invasione russa il 24 febbraio. , si recherà in Baviera o interverrà tramite video.

Hai accettato con gratitudine l’invito dei nostri partner a partecipare ai principali eventi internazionali”, il Gruppo dei Sette in Germania, e intanto il Vertice Nato a Madrid, su invito del suo segretario generale, Jens Stoltenberg, ha confermato su Twitter il presidente ucraino.

Visita Irvine

Subito dopo il loro arrivo nella capitale ucraina, il presidente francese, cancelliere tedesco e capo del governo italiano, accompagnato dal presidente rumeno Klaus Iohannis, si è recato a Irben.

Questa città alla periferia della capitale è stata devastata durante le prime settimane dell’invasione russa dell’Ucraina.

Prendendo atto del danno, il cancelliere tedesco ha denunciato: “La brutalità della guerra d’aggressione russa, che mira semplicemente a distruggere e conquistare“.

Civili innocenti sono rimasti feriti e le case sono state distrutte. Un’intera città è stata distrutta anche se non c’erano infrastrutture militari‘, denunciato.

Al termine della breve visita, il Presidente francese ha elogiato “Campionato“Ucraini”.Abbiamo tutti visto queste immagini di una città in rovina, una città eroica dove gli ucraini qui, tra l’altro, hanno fermato l’esercito russo che scendeva su Kiev. Quindi devi immaginare il campionato dell’esercito, così come il campionato del popolo ucrainoLo afferma Emmanuel Macron e l’inquilino dell’Eliseo aggiunge:L’Ucraina deve saper resistere e vincere“.

READ  Putin parla dell'adesione di Finlandia e Svezia alla NATO

Arrivo in treno al mattino

Emmanuel Macron, Olaf Scholz e Mario Draghi sono arrivati ​​in mattinata a Kiev, partiti il ​​giorno prima su un treno speciale in Polonia.

I tre leader, secondo ZDF in Germaniaincontrato ieri sera nella città polacca di Rzeszów.

Questo viaggio è il primo per i leader dei tre principali paesi dell’Unione Europea, dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina il 24 febbraio.