Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Denuncia BNP Paribas: “Questo è un processo storico”

Denuncia BNP Paribas: “Questo è un processo storico”

TLa ONG francese Kings ha presentato una denuncia contro BNP Paribas in un tribunale di Parigi giovedì mattina, secondo un comunicato stampa. Criticano la Banca per aver continuato a investire pesantemente nei combustibili fossili, contribuendo così in modo significativo al “cambiamento climatico”.

Gli Amici della Terra francesi, Notre Affaire à Tous e Oxfam France chiedono a BNP Paribas di porre fine al suo sostegno finanziario per nuovi progetti sui combustibili fossili e adottare un piano di uscita dal petrolio e dal gas. “Questo è un processo storico: la prima azione per il clima al mondo contro una banca commerciale”, definiscono.

Leggi anche COP27: Trattato per battere i combustibili fossili

Le tre associazioni stanno procedendo in giudizio con notifica di atto di citazione per inosservanza della legge sull’obbligo di vigilanza delle multinazionali. “Attraverso questa convocazione ci viene ricordato con forza che le nostre associazioni sono determinate a ottenere una decisione vincolante dal giudice”, aggiunge Alexandre Boydatz, Advocacy Manager di Oxfam France. “Secondo il partner di Seattle Avocats François de Cambiaire, la sanzione inflitta può continuare” fino a attività cessa in L’origine del danno e anche il ritiro dell’investimento.”

Secondo le associazioni, BNP Paribas è “il principale finanziatore mondiale di otto grandi compagnie petrolifere e del gas in Europa e Nord America, che da sole sono coinvolte in più di 200 nuovi progetti di combustibili fossili in tutto il mondo”.

READ  In rotta verso la Cina, il volo Delta fa inversione a causa delle nuove restrizioni sul coronavirus

Leggi anche Francesco Contino (UCLouvain): “Servono sobrietà, efficienza e rinnovabili”

Da parte sua, l’istituto finanziario ha annunciato alla fine di gennaio che avrebbe “ridotto le sue notevoli capacità di estrazione e produzione di petrolio e gas” entro il 2030 e ha assicurato di non aver finanziato “un progetto petrolifero dal 2016”. Tuttavia, queste misure sono insufficienti agli occhi delle tre ONG.