Aprile 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

David Cameron afferma di essere contrario all’invio di truppe occidentali in Ucraina, anche per l’addestramento

David Cameron afferma di essere contrario all’invio di truppe occidentali in Ucraina, anche per l’addestramento

Due anni dopo l’inizio di una guerra su vasta scala, la dinamica del sostegno occidentale a Kiev sta perdendo slancio: i nuovi aiuti stanziati da agosto 2023 a gennaio 2024 sono in calo rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Secondo l'ultimo rapporto del Kiel Institutepubblicato nel febbraio 2024. Questa tendenza potrebbe continuare, poiché il Senato degli Stati Uniti fatica a approvare gli aiuti e l’Unione Europea fatica a approvare aiuti da 50 miliardi di dollari il 1Lui è Febbraio 2024, a causa del blocco ungherese. Si prega di notare che questi due pacchetti di aiuti non sono stati ancora presi in considerazione nell'ultima valutazione dell'Istituto Kiel, che terminerà a gennaio 2024.

I dati dell’Istituto tedesco indicano che il numero dei donatori sta diminuendo e si concentra attorno a un gruppo centrale di paesi: Stati Uniti, Germania e paesi dell’Europa settentrionale e orientale, che promettono di fornire aiuti finanziari significativi e armi avanzate. In totale, da febbraio 2022, i paesi che sostengono Kiev si sono impegnati ad impegnare almeno 276 miliardi di euro a livello militare, finanziario o umanitario.

In cifre assolute, i paesi più ricchi sono stati i più generosi. Gli Stati Uniti sono di gran lunga il maggiore donatore, avendo annunciato aiuti per oltre 75 miliardi di euro, di cui 46,3 miliardi di euro in aiuti militari. I paesi dell'Unione Europea hanno annunciato aiuti bilaterali (64,86 miliardi di euro) e aiuti congiunti provenienti dai fondi UE (93,25 miliardi di euro), per un totale di 158,1 miliardi di euro.

Quando colleghiamo questi contributi al PIL di ciascun paese donatore, la classifica cambia. Gli Stati Uniti sono scesi al ventesimo posto (0,32% del PIL), molto indietro rispetto ai paesi confinanti con l’Ucraina o alle ex repubbliche amiche dell’Unione Sovietica. L’Estonia è in testa agli aiuti rispetto al Pil con il 3,55%, seguita da Danimarca (2,41%) e Norvegia (1,72%). Lituania (1,54%) e Lettonia (1,15%) completano il resto della top five. I tre Stati baltici, che confinano tutti con la Russia o con la sua alleata Bielorussia, sono stati tra i donatori più generosi dall’inizio del conflitto.

READ  Traffico: Previste nevicate fino a 10 cm in Lussemburgo, allerta attuale e interruzione del traffico

Nella classifica percentuale del Pil, la Francia è al 27° posto, con lo 0,07% del suo Pil, dietro alla Grecia (0,09%). Gli aiuti forniti da Parigi hanno registrato un continuo calo dall’inizio dell’invasione russa dell’Ucraina, poiché la Francia si è classificata ventiquattresima nell’aprile 2023 e tredicesima nell’estate del 2022.