Gennaio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Daria Navalnaya, figlia di Alexei Navalny, denuncia il cinico pragmatismo dell’Europa di fronte a Putin

Daria Navalnaya, la figlia dell’oppositore russo e attivista anticorruzione incarcerato da Mosca Alexei Navalny, mercoledì ha denunciato il pragmatismo dell’Europa e dell’Occidente nei confronti del presidente russo Vladimir Putin, e ha visto che”Ironia, ipocrisia e corruzione“, al tempo di Ha ricevuto il Premio Sacharov 2021 dal Parlamento europeo a suo padre.

Il fatto che le banche europee riciclano liberamente miliardi corrotti di Putin e dei suoi amici, che gli yacht di Putin e i membri del suo governo continuano a suscitare scalpore sulle rive del Mediterraneo europeo, o che il 99% dei massimi funzionari in Russia o Bielorussia coinvolti in la criminalità può ancora viaggiare liberamente in Europa, come le loro famiglie, sono tutti un chiaro segnale che i decisori non stanno cercando di vincere nemmeno una piccola battaglia in questa guerra.‘”, ha annunciato la studentessa di 20 anni, davanti ai deputati che l’hanno applaudita a lungo.

Daria Navalnaya condannata”mezze misure“Europa e Occidente contro il presidente russo”.Voler placare un dittatore, all’infinito, per non infastidirlo, e ignorare i suoi crimini il più a lungo possibile, non è affatto un approccio pragmatico. Sotto questa parola pragmatica, c’è ironia, ipocrisia e corruzione‘, lei ha aggiunto.

La giovane donna ha espresso la sua convinzione nel progetto europeo con le sue idee ei suoi principi.E credo che un giorno il mio Paese ne farà parte“.

Il Premio Sacharov si è concentrato sullo spazio post-sovietico

Negli ultimi anni, il Premio Sacharov del Parlamento europeo si è concentrato in particolare sulla regione post-sovietica, premiando in particolare l’opposizione democratica della Bielorussia (2020) e del regista ucraino Oleg Sentsov (2018).

READ  Francia: verso nuove misure per fronteggiare la quinta ondata di Covid?

In risposta al tentativo di Alexei Navalny di avvelenarla lo scorso anno, l’Unione Europea ha adottato sanzioni contro le armi chimiche contro alti funzionari russi, nonché sanzioni sui diritti umani. sostenitori.

Nel nuovo scontro che Vladimir Putin ha instaurato ammassando truppe ed equipaggiamenti militari al confine con l’Ucraina, l’Unione Europea, come gli Stati Uniti, ha già avvertito che non esiteranno ad agire. Azioni di sistema. Ma in questo momento”Siamo nella fase di prevenzione e deterrenza per evitare che la crisi si aggravi e raggiunga il livello del conflitto militare.Martedì, il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, ha ripetuto davanti al Parlamento europeo.