Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con Kais Saied la Tunisia si avvia verso una dittatura?

Il presidente tunisino Kais Saied Martedì ha suscitato un diluvio di critiche dopo la sua apparizione La decisione di prolungare di un anno il congelamento della Camera dei deputatiI suoi avversari vedono in lui una nuova deriva autoritaria a tre giorni dall’undicesimo anniversario della rivoluzione che ha rovesciato la dittatura.

Annuncio del referendum

Quattro mesi e mezzo dopo aver sospeso il parlamento dominato dal partito islamista Ennahda, irritato da Kais Saied il 25 luglio, lunedì non ha sciolto a sufficienza il parlamento estendendone la moratoria fino al nuovo voto legislativo, data da lui fissata per il 17 dicembre. 2022.

Il capo dello Stato ha anche annunciato nel suo discorso che il 25 luglio si terrà un referendum sugli emendamenti costituzionali in cui vuole più emendamenti presidenziali e la legge elettorale che regolerà le elezioni legislative.

Nel mezzo di una crisi sociale, economica e sanitaria e dopo mesi di stallo politico, Kais Saied, eletto a suffragio universale alla fine del 2019, è stato eletto il 25 luglio 2021”pericolo imminente“Il licenziamento del presidente del Consiglio sostenuto da Ennahda, la sospensione delle attività del Parlamento e il ripristino della magistratura.

Lo stato, il presidente, la giustizia, il popolo

Il suo discorso si può riassumere così: io sono lo Stato, sono il presidente, sono il governo, sono la giustizia, sono la Commissione elettorale, sono il popolo, sono il profeta infallibile.Il deputato dell’opposizione Hisham Ajbouni ha risposto sulla sua pagina Facebook.

Qais Saeed ha affermato che gli emendamenti che intende sottoporre a referendum saranno una sintesi delle proposte formulate a favore diConsultazione popolareSarà implementato dal 1 gennaio su piattaforme elettroniche dedicate.

READ  Scoperto un nuovo tipo di corona virus in Sudafrica

A proposito del rappresentante Samir Dilou, un ex membro del partito di EnnahdaFelice di lanciare un referendum elettronico che rischia di rendere la Tunisia uno zimbello“.

Contento “Sembra determinato a realizzare il suo progetto politico, ignorando le pressioni in patria e all’esteroL’analista Salah al-Din al-Jorshi ha detto all’AFP.Cerca di tirare fuori il tappeto da sotto i suoi avversari annunciando un calendario con date specifiche.

Annunciando proteste per alcuni giorni

Il suo discorso in realtà è arrivato pochi giorni prima delle manifestazioni che anche i suoi oppositori e sostenitori avevano programmato, il 17 dicembre, giorno per celebrare l’undicesimo anniversario della rivoluzione che ha deposto Zine El Abidine Ben Ali dal potere e ha portato al golpe. Invio alla primavera araba.

Il grosso problema è che continuerà a governare per decreto. Il suo conflitto politico con i suoi avversari peggioreràSecondo Salah Al-Din Al-Jorshi.

Da parte loro, gli ambasciatori degli Stati membri del G7 e dell’Unione europea hanno chiesto venerdì in Tunisia il ritorno.Veloceper le istituzioni democratiche.

Newsletter Informazioni RTBF – Africa

Ricevi ogni settimana le principali notizie sul tema dell’Africa. Presto nella tua casella di posta tutte le informazioni dal continente africano.

ok