Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Crisi in Israele: Benjamin Netanyahu è pronto a ritardare la sua riforma in un Paese paralizzato da scioperi e manifestazioni

Crisi in Israele: Benjamin Netanyahu è pronto a ritardare la sua riforma in un Paese paralizzato da scioperi e manifestazioni

La crisi politica e sociale in Israele è peggiorata bruscamente lunedì. Di fronte all’ampiezza del contenzioso, il governo si appresta a rinviare l’adozione della riforma giudiziaria che ha dato fuoco alla polvere da sparo. Uno dei partiti della coalizione di estrema destra ha accettato di rinviare i dibattiti parlamentari sulla questione al mese prossimo.

Il principale sindacato ha indetto uno sciopero generale per lunedì, subito seguito da molti settori. Il funzionamento dell’aeroporto internazionale di Tel Aviv è stato gravemente interrotto. Le manifestazioni sono riprese dopo una notte turbolenta. La polizia teme scontri tra sostenitori e oppositori del progetto di governo.

Fare una pausa

Di fronte a questa mobilitazione di portata storica,Membri di spicco del partito di Benjamin Netanyahu, il Likud, hanno incoraggiato il primo ministro Benjamin Netanyahu a fermarsi. Ma gli alleati di estrema destra hanno minacciato di lasciare la coalizione se il progetto viene sospeso.

Benjamin Netanyahu ha negoziato tutto il giorno con i suoi partner di governo, in particolare con il ministro della sicurezza nazionale Itamar Ben Gvir, che è all’estrema destra dello spettro politico israeliano. Ben Gvir si era pubblicamente opposto alla sospensione della riforma.

Ripresa dopo Pasqua

Alla fine della giornata, il suo partito Jewish Power ha annunciato di aver acconsentito a ritardare la riforma giudiziaria fino a quest’estate. La Knesset, il parlamento israeliano, si aggiornerà la prossima settimana per la Pasqua ebraica. Il testo della riforma giudiziaria sarà esaminato nella prossima seduta dopo le vacanze.

In cambio, dice la forza ebraica, ha ottenuto la creazione di una Guardia Civile Nazionale, che sarebbe passata sotto l’autorità di Itamar Ben Gvir.

READ  Quali tipologie di vino scegliere per non farveli scappare durante le feste? I nostri consigli!

Immediato sciopero generale e stop a Ben-Gurion e alle ambasciate

La pressione della strada non si è indebolita in questo giorno importante. Il principale centro sindacale del paese, l’Histadrut, ha indetto uno sciopero generale immediato. “Non appena questa conferenza stampa finirà, lo Stato di Israele si fermerà. La nostra missione è fermare il processo legislativo, e lo faremo”.Arnon Bar-David, capo dell’organizzazione, ha detto la mattina presto. Il sindacato dei lavoratori dell’aeroporto internazionale Ben Gurion ha immediatamente annunciato l’immediata sospensione dei decolli.