Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La Corte Suprema degli Stati Uniti autorizza la pena di morte per il controverso condannato per cocktail mortale

Quindi questo paese rurale e conservatore del Sud deve giustiziare nel pomeriggio John Grant, un afroamericano di 60 anni condannato a morte per l’omicidio di un impiegato carcerario.

Gli deve essere data una combinazione di tre articoli che, dopo diverse esecuzioni fallite nel 2014 e 2015, ha portato lo stato a dichiarare una moratoria sulle esecuzioni.

“Questo protocollo ha dimostrato di essere umano ed efficace”, hanno affermato i servizi carcerari dell’Oklahoma in una nota.

Ma per il suo avvocato, Del Peche, ci sono ancora “serie domande” sul dolore che provoca questa combinazione mortale e la sua conformità alla Costituzione degli Stati Uniti che proibisce “punizioni crudeli e insolite”.

“Il processo dovrebbe iniziare proprio a questo punto a febbraio e le esecuzioni non avrebbero dovuto riprendere prima”, ha affermato in una nota.

Mercoledì una corte d’appello si è pronunciata a suo favore, sospendendo l’esecuzione. Ma le autorità dell’Oklahoma hanno immediatamente adito la Corte Suprema degli Stati Uniti per chiederle di revocare questa decisione.

Senza spiegarne le ragioni, la Corte Suprema ha finalmente dato il via alle esecuzioni in casi estremi. Tuttavia, i tre giudici progressisti hanno chiarito che non sono d’accordo con la maggioranza conservatrice.

il mio corpo sta bruciando

Il protocollo controverso combina i sedativi, il midazolam e un anestetico e si ritiene che prevenga il dolore prima dell’iniezione di cloruro di potassio nella dose letale. È stato usato nel 2014 per giustiziare Clayton Lockett, ma il detenuto è stato torturato per 43 minuti in apparente dolore.

Nel 2015, un altro detenuto, Charles Warner, si è lamentato del fatto che il suo “corpo è stato bruciato” prima della sua morte, perché i torturatori hanno usato un prodotto incompatibile. Quasi lo stesso errore è stato ripetuto nel settembre 2015 e l’esecuzione è stata rinviata all’ultimo minuto.

READ  L'uomo che ha partecipato alla parata natalizia americana è stato accusato di cinque omicidi

Dopo questi fallimenti, un gran giurì ha aperto un’inchiesta e le autorità hanno deciso di sospendere l’applicazione della pena di morte.

Nel 2020 hanno finalizzato un nuovo protocollo e fissato diverse date di attuazione nel 2021, a partire da quelle di John Grant.

Nel 1998 ha ucciso con un cacciavite una donna che lavorava nella caffetteria del carcere dove stava scontando una condanna per rapina a mano armata.

L’Oklahoma sta anche pianificando di giustiziare Julius Jones, un afroamericano di 41 anni, il 18 novembre, condannato a morte nel 2002 per l’omicidio di un uomo d’affari bianco che aveva sempre negato.

Il suo caso è stato oggetto di una serie di documentari, un podcast sostenuto da diverse associazioni e personalità come Kim Kardashian, convinto della sua innocenza.

Ha perso tutti i rimedi legali, ma l’Oklahoma Pardons Office ha raccomandato di commutare la sua condanna in ergastolo. Il governatore non ha ancora deciso.