Giugno 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Riformare la magistratura israeliana: scoppiano le proteste e il presidente chiede il ritiro dal progetto (foto)

Riformare la magistratura israeliana: scoppiano le proteste e il presidente chiede il ritiro dal progetto (foto)

DottMovimenti di protesta sono scoppiati domenica sera a Tel Aviv in risposta al licenziamento del ministro della difesa, che ha chiesto la sospensione del progetto di riforma della giustizia in Israele. Secondo i media israeliani, Benjamin Netanyahu potrebbe annunciare il ritiro del suo disegno di legge.

I manifestanti si sono riuniti spontaneamente nella città costiera per protestare contro il licenziamento dei ministri da parte del primo ministro Benjamin Netanyahu.

Nella città di Gerusalemme manifestanti infuriati hanno bloccato anche una strada nei pressi della residenza del primo ministro, ma non è chiaro se fosse lì. I vicini hanno alzato la bandiera israeliana bianca e blu.

Il Primo Ministro ha deciso di tenere una riunione consultiva di emergenza. I media israeliani hanno riferito che l’esercito è stato messo in massima allerta a causa del caos.

Israele - Politico - Giudiziario - Sperimentale (4)

Il più grande centro sindacale israeliano ha annunciato un immediato “sciopero generale”, chiedendo la fine del progetto di riforma della giustizia attualmente al vaglio del parlamento che sta dividendo profondamente il Paese.

“Chiedo uno sciopero generale”, ha detto il leader dell’Histadrut Arnon Bar-David. Al termine di questa conferenza stampa, lo Stato di Israele si ferma […] Siamo in missione per fermare il processo legislativo, e lo faremo.

Questo annuncio è stato seguito da un altro, da parte dell’Associazione medica israeliana, che ha anche dichiarato uno sciopero generale per interessare ospedali pubblici e servizi medici.

READ  "Urlava molto, sbavava": la xilazina o "droga zombi" è arrivata in Belgio?

fermati “immediatamente”

Il presidente israeliano Isaac Herzog ha invitato il governo a “fermare immediatamente” il lavoro legislativo sul progetto di riforma giudiziaria che sta dividendo il Paese. “Ieri sera abbiamo assistito a scene molto difficili”, ha detto Herzog in una dichiarazione dei suoi servizi. “L’intera nazione è profondamente preoccupata. La nostra sicurezza, la nostra economia e tutta la nostra società sono minacciate”, aggiunge il presidente, che si appella solennemente “al premier, ai membri del gabinetto e alla maggioranza”.

“Tutto il popolo di Israele ti sta guardando. Tutti gli ebrei ti stanno guardando. Il mondo intero ti sta guardando”, aggiunge Herzog, i cui ripetuti appelli al compromesso sulla riforma sono stati finora senza effetto e non hanno impedito al paese di scivolando lentamente in crisi. In nome dell’unità del popolo d’Israele […] Vi esorto a fermare immediatamente il “processo legislativo”, ha aggiunto Herzog, che sta essenzialmente svolgendo un ruolo cerimoniale.

Secondo i media israeliani, il primo ministro Benjamin Netanyahu dovrebbe parlare pubblicamente nel corso della giornata e potrebbe accettare una pausa nelle riforme, secondo questo appello.

La riforma minaccia la democrazia

Il governo, uno dei più di destra nella storia di Israele, punta attraverso questa riforma ad aumentare il potere dei funzionari eletti rispetto a quello dei giudici. Secondo i suoi critici, il progetto mette in pericolo il carattere democratico dello Stato di Israele.