Luglio 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ecco i tre settori in cui è facile trovare lavoro, secondo Actiris

L’istruzione, le scienze applicate e la medicina paramedica sono i settori che offrono più posti di lavoro ai giovani laureati di Bruxelles, rileva l’ultimo studio d’opinione presentato venerdì mattina a Bruxelles.

Questo Osservatorio per l’occupazione e la formazione di Bruxelles ha prodotto una classifica dei settori che forniscono l’accesso più rapido al lavoro. Per fare questa classifica, view.brussels ha calcolato la percentuale di giovani di età inferiore ai 30 anni che avevano svolto un lavoro per almeno un mese nell’anno successivo alla loro iscrizione ad Actiris. Gli anni di riferimento comprendono il 2019 e il 2020, quest’ultimo colpito dalla pandemia di coronavirus.

Complessivamente, nell’istruzione i giovani laureati trovano il lavoro più sostenibile dopo un anno (95,6%), così come nelle scienze applicate (93,3%), paramedici (88,7%), management e management (84,7%), assistenza sociale e assistenza personale 84,7% .

Più in dettaglio, lo studio mostra che le quattro aree che offrono maggiori opportunità di lavoro dopo la scuola superiore (CESS) sono l’assistenza all’infanzia e l’assistenza infermieristica. (77,2%), seguito dal settore della sicurezza (72,7%) e poi dal settore industriale (72,2%).

Per i giovani che proseguono gli studi con un diploma di maturità, l’istruzione ha un tasso di uscita del 95,6%, i paramedici 88,7%, il lavoro sociale e l’assistenza personale 84,7% e informatica 83%.

Per i master, in particolare, le scienze applicate hanno un tasso di uscita molto elevato (93,3%), davanti ai programmi “Management e Organizzazione” (84,7%) e “Diritto e Criminologia” (82,5%).

Poche offerte di lavoro con qualifiche basse

Lo studio conferma inoltre che il mercato del lavoro di Bruxelles richiede sempre più profili altamente qualificati (+66% in vent’anni). Ciò è rafforzato dal fatto che solo 1 offerta di lavoro su 7 a Bruxelles richiede pochissime qualifiche.

READ  Sanità pubblica: l'industria manifatturiera dei dispositivi medici in preparazione

effetto covid

Infine, lo studio mostra che le conseguenze della crisi sanitaria sono tangibili. La classe 2019, entrata nel mercato del lavoro tra la fine del 2019 e il 2020, nel pieno della crisi sanitaria, ha avuto maggiori difficoltà a trovare un lavoro: il suo tasso medio di uscita è inferiore (50%) rispetto alla classe del 2018 (57,8 %).

Ma secondo views.brussels, la crisi ha comunque avuto un effetto positivo: l’instabilità del mercato del lavoro a Bruxelles ha incoraggiato più giovani a prolungare gli studi. “Dato che il mercato di Bruxelles ha bisogno di profili altamente qualificati e i tassi di uscita sono più elevati per i giovani laureati dell’istruzione superiore, ciò fornirà loro maggiori possibilità di trovare un lavoro.‘ conclude l’Osservatorio.