Ottobre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

COVID-19: la copertura delle vaccinazioni nei paesi poveri (finalmente) raggiunge il 50%

Un buon esempio della disuguaglianza che è stata più volte denunciata durante la pandemia: i paesi poveri hanno appena raggiunto una copertura vaccinale del 50%.

© Belga Image

La coalizione internazionale, Gavi, ha annunciato giovedì che metà della popolazione dei paesi poveri ha ora ricevuto due dosi del vaccino contro il Covid-19 e ha accolto con favore i progressi compiuti nel superare la disuguaglianza nell’accesso alla vaccinazione.

Nei 92 paesi a basso reddito che hanno ricevuto vaccini finanziati da donatori, la copertura vaccinale è stata in media del 50%, afferma la Gavi Alliance, che co-guida l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) e altre istituzioni nel sistema internazionale Covax che mira a garantire un’equità globale disponibilità di vaccini e cure contro il Covid-19.

L’Alleanza Gavi e l’Organizzazione Mondiale della Sanità lamentano da tempo la mancanza di solidarietà per quanto riguarda la vaccinazione contro il Covid-19. Nonostante la persistente disuguaglianza, i “paesi a basso reddito” hanno compiuto progressi significativi, raggiungendo una “soglia critica nella copertura” per la vaccinazione contro il Covid-19, ha affermato la Gavi Alliance in un comunicato stampa.

Dall’inizio del 2022 sono stati compiuti progressi significativi, con solo il 31% delle persone in questi 92 paesi che ha ricevuto due delle prime due dosi. In precedenza, la copertura vaccinale in 34 di questi paesi era inferiore al 10%, cosa che ora sta avvenendo solo in dieci paesi, secondo Gavi.

non ancora finito

La coalizione ha particolarmente elogiato i governi per aver dato la priorità alla vaccinazione degli operatori sanitari ad alto rischio, con oltre l’80% degli operatori sanitari vaccinati nella maggior parte dei paesi a basso reddito. Derek Sim, amministratore delegato ad interim dell’ufficio di Covax all’interno di Gavi, ha salutato il “progresso vitale”. Ma ha avvertito che “l’epidemia non è stata sconfitta”. “I casi e i decessi continuano ad aumentare e le nuove varianti rappresentano una minaccia per tutti noi”.

READ  Membri feriti e militari sono guariti

Da quando è diventato disponibile il primo vaccino contro il Covid-19, Covax ha somministrato oltre 1,4 miliardi di dosi ai paesi a basso reddito di tutto il mondo. Quest’anno, il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres si è lamentato: “La disuguaglianza nella vaccinazione è il più grande fallimento morale del nostro tempo e le persone e i paesi ne stanno pagando il prezzo”.