Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute. L’OMS chiede vigilanza dopo che il cane è stato infettato dal vaiolo delle scimmie

Mercoledì l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha invitato le persone con vaiolo delle scimmie a evitare di esporre gli animali al virus, dopo il primo caso segnalato di trasmissione da uomo a cane.

Il primo caso di trasmissione del virus del vaiolo delle scimmie dall’uomo ai cani è stato segnalato la scorsa settimana Il diario medico di Lancet Due uomini infetti hanno trasmesso il virus al loro levriero a Parigi. “Questo è il primo caso segnalato di trasmissione da uomo ad animale (…) e riteniamo che questa sia la prima volta che un cane è stato infettato”, ha detto ai giornalisti Rosamund Lewis, responsabile tecnico dell’OMS per il vaiolo delle scimmie.

Ha detto che gli esperti erano consapevoli dei rischi teorici di questo tipo di trasmissione e sapevano che le agenzie di salute pubblica avevano già avvertito le persone infette di “stare lontano dai loro animali domestici”. Ha sottolineato, tuttavia, che “la gestione dei rifiuti è essenziale” per ridurre il rischio di contaminazione da parte di roditori e altri animali fuori casa.

Paure di una possibile mutazione

Quando il virus attraversa una barriera di specie, spesso desta preoccupazione per la possibilità di una mutazione più grave. Ma secondo la signora Lewis, a questo punto non ci sono informazioni che dicano che questo è il caso del vaiolo delle scimmie.

“Tuttavia, è certo che una volta che il virus viene trasmesso a un altro ambiente che colpisce un’altra popolazione, c’è chiaramente la possibilità che si evolva in modo diverso e muti in modo diverso”, ha affermato.

La principale preoccupazione degli animali che vivono fuori casa.

READ  Sciopero in ambito sanitario e sociale. Mancanza di risorse e stipendi immeritati, insieme alla prima linea!

“La situazione più pericolosa è quando il virus viene trasmesso tra un piccolo gruppo di mammiferi con un’alta densità di animali”, ha detto ai giornalisti Michael Ryan, direttore delle emergenze presso l’Organizzazione mondiale della sanità. “Attraverso il processo di infezione di un animale con la prossima, la prossima e la prossima infezione, si vede la rapida evoluzione del virus”, ha detto.

Poche paure per gli animali domestici

Secondo lui, non c’è bisogno di preoccuparsi degli animali domestici. “Non credo che il virus si sviluppi più velocemente con un cane che con una persona”, ha detto, aggiungendo che mentre “dobbiamo rimanere vigili, gli animali domestici non sono un rischio”.

Secondo l’ultimo rapporto dell’OMS, nel mondo sono stati registrati 31.665 casi di vaiolo delle scimmie, inclusi 12 decessi.

Il 24 luglio l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha lanciato il suo massimo livello di allerta, una “emergenza sanitaria pubblica di portata internazionale”, per rafforzare la lotta contro la malattia.