Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Cosa vuole veramente Viktor Orban? Charles Michel si recherà lunedì a Budapest per cercare di raggiungere un’intesa ed evitare uno scontro al prossimo vertice europeo

Cosa vuole veramente Viktor Orban?  Charles Michel si recherà lunedì a Budapest per cercare di raggiungere un’intesa ed evitare uno scontro al prossimo vertice europeo

Se è abituato a ricattarsi per ottenere ciò che vuole dall’Ue – spesso denaro e tollerandone la deriva autoritaria – la sua posizione sembra assumere una dimensione completamente nuova. I toni stanno diventando più duri, la retorica è più ideologica e più focalizzata che mai sulle opzioni geopolitiche dell’UE… più che sull’accesso ai quasi 28 miliardi di euro di denaro dell’UE che è stato bloccato perché lo Stato di diritto è stato schiacciato dalla Giusto? Il governo di Viktor Orbán sta cercando un altro obiettivo questa volta? Ci chiediamo a Bruxelles. Nello specifico, fermare la macchina politica europea e spingere per modellare (un po’) l’unione a suo piacimento?

“I venti del cambiamento stanno arrivando!”Mercoledì Viktor Orban ha salutato con gioia la vittoria di Geert Wilders, una figura anti-islamica, anti-europea e filo-russa, alle elezioni olandesi.

Il primo ministro ungherese, al potere dal 2010, sogna da tempo di imporre la sua visione illiberale e reazionaria dell’Unione europea: federalismo almeno, tutti i poteri statali e non troppo gravati dal rispetto dei diritti umani – ancora meno dei diritti umani. immigrati – e valori fondamentali, come lo Stato di diritto e la democrazia. Quando si tratta di politica estera, non aver paura di essere amico di un dittatore assetato di sangue, come il presidente russo Vladimir Putin.

Viktor Orbán ha detto: “Mentre gli ungheresi muoiono al fronte, tu stai parlando con la persona responsabile della loro morte”.

Una serie di provocazioni

Viktor Orban non ha esitato a stringere la mano al Maestro del Cremlino alla fine di ottobre, diventando il primo leader europeo a compiere un gesto del genere dall’inizio della guerra in Ucraina. Ma se alcuni esprimono la loro rabbia, altri Stati membri finiscono ancora una volta per minimizzare questa sfiducia senza precedenti, parafrasando “Nonostante la sua consueta ostentazione, Budapest ha sempre aderito alle decisioni unanimi per aiutare Kiev”.

READ  Presto la prima nevicata o sarà confermato il tempo autunnale? Ecco le previsioni meteo di novembre di Luke Trollmans

Tuttavia, le provocazioni dell’Ungheria sono raddoppiate. Il 26 ottobre Viktor Orbán si è opposto pubblicamente alla proposta della Commissione di rivedere il bilancio europeo per il periodo 2021-2027 per includere in particolare 50 miliardi di euro in aiuti all’Ucraina. È un tema che i 27 sperano di chiudere a dicembre… La stessa reazione quando l’Esecutivo europeo ha proposto agli Stati membri di aprire i negoziati di adesione con Kiev (e Chisinau) – e sempre con l’idea di una decisione unanime in Il primo dicembre. “L’Ucraina non è affatto pronta”Ha risposto il primo ministro ungherese.

Per coronare questa sequenza, la settimana scorsa ha inviato una lettera a Charles Michel, chiedendo, durante il vertice europeo,… “Discussione franca e aperta sulla fattibilità degli obiettivi strategici dell’UE in Ucraina”. Consideriamo ancora questi obiettivi realizzabili? […] Come possiamo progettare l’architettura della sicurezza dell’Europa del dopoguerra?Si continua in questo documento rivelato dal sito POLITICO.

L’Ucraina come priorità

Martedì scorso Charles Michel si è recato a Kiev, dove ha potuto constatare quanto sia importante per gli ucraini il progresso nel processo di adesione. Ma ha dovuto anche tenere sotto controllo le aspettative, data l’incertezza posta dalla posizione dell’Ungheria. Quindi cercare di capire Viktor Orbán e vedere quale prezzo dobbiamo pagare (letteralmente) per evitare il fallimento politico al vertice europeo – o peggio: lo scetticismo pubblico sul sostegno all’Ucraina – significa che Charles Michel andrà a Budapest.

La frustrazione di Viktor Orbán è senza dubbio legata soprattutto al fatto che l’Ungheria non ha ancora ricevuto 22 miliardi di euro di fondi di consolidamento e 6,5 miliardi di euro di sussidi per la ripresa economica. L’interessato afferma che il suo governo quest’estate ha adottato le riforme necessarie per ripristinare l’indipendenza del sistema giudiziario ungherese e ha concesso questi aiuti. Ma gli esperti avvertono che questi cambiamenti sono solo cosmetici.

READ  Il tiratore di El Paso condannato a 90 ergastoli | mondo

Di fronte a Charles Michel a Kiev, l’Ucraina ha fretta di avanzare sulla strada verso l’Unione europea: “Come dice Eminem, il successo è l’unica possibilità che abbiamo”.

Che dire allora dello stato di diritto in Ungheria?

In ogni caso, dal punto di vista dell’UE, la questione non è più se queste riforme siano efficaci, ma piuttosto se lo scongelamento di una parte significativa di questi fondi potrebbe “ricordare” Viktor Orbán. Giovedì la Commissione ha inoltre stanziato 900 milioni di euro per progetti energetici in Ungheria, una decisione che è stata interpretata come un primo gesto di buona fede. Si preparerà inoltre a dare presto a Budapest l’accesso a 13 miliardi di euro di fondi di coesione.

“Questa sarebbe la prova che né gli Stati membri né la Commissione hanno una strategia per gestire Orban”.“, sospira una fonte europea. Ciò che il primo ministro ungherese ha capito bene. A riprova di ciò, anche se finora ha mantenuto un basso profilo per recuperare i suoi soldi europei, il suo governo è tornato su progetti di legge controversi, proponendo il 21 novembre un testo da criminalizzare il finanziamento estero dei partiti politici e l’istituzione di un organismo di vigilanza per le organizzazioni non governative.

È un approccio che rientra nella campagna per “proteggere la sovranità dell’Ungheria”. Che comprende anche manifesti diffamatori nei confronti della presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, affissi in tutto il Paese…