Maggio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Coronavirus nel mondo: Finlandia e Svezia revocano le restrizioni da metà febbraio, esplodono i casi in Russia

La Finlandia revoca le restrizioni da metà febbraio

Il governo finlandese ha annunciato mercoledì che la Finlandia eliminerà molte delle sue restrizioni Covid-19, comprese le misure per eventi culturali e sportivi, dal 14 febbraio, e che prevede di revocare quasi completamente le misure anti-Covid ormai. Oltre alla bilancia, ristoranti e bar, che attualmente devono interrompere la vendita di alcolici alle 20:00, potranno servire fino alle 23:00 di metà febbraio.

Tuttavia, le discoteche rimarranno chiuse fino al 1 marzo, quando verranno revocate anche tutte le restrizioni su ristoranti e bar, ha affermato il premier Sanna Marin in conferenza stampa.

Tuttavia, dopo questa data sarà comunque consigliato indossare una mascherina o anche il distanziamento sociale.

Mercoledì, il paese scandinavo di 5,5 milioni di persone ha superato il traguardo di mezzo milione di infezioni da Covid-19 e ha più di 2.000 decessi correlati al virus dall’inizio della pandemia.

La Svezia revoca tutte le restrizioni sanitarie per combattere il Covid

La Svezia, a sua volta, come i suoi vicini danesi e norvegesi, si sta praticamente preparando a revocare tutte le restrizioni legate al virus Corona dal 9 febbraio, secondo quanto riportato dai media svedesi mercoledì sera. La situazione in ambito sanitario, la bassa gravità della variabile Omicron e il tasso di vaccinazione della popolazione giustificano questa decisione che il governo annuncerà domani/giovedì. Martedì la Danimarca è diventata il primo paese dell’Unione Europea a revocare quasi tutte le restrizioni relative al coronavirus, ad eccezione dei viaggi internazionali. La vicina Norvegia è seguita nel corso della giornata. Anche molti altri paesi in Europa hanno iniziato ad abbandonare.

La Svizzera si aspetta il virus Covid endemico e prevede di revocare tutte le restrizioni

La Svizzera ritiene che la crisi del virus Covid-19 stia per entrare in una fase endemica ed è quindi più gestibile e prevede di revocare tutte le restrizioni sanitarie entro metà febbraio. “Certo che l’epidemia non è finita, ma vediamo la luce all’orizzonte”, ha detto mercoledì il presidente della Confederazione Ignazio Cassis, durante una conferenza stampa.

READ  La guerra tra Israele e Hamas: Blinken chiede alla Cina di dissuadere l’Iran dal lanciare attacchi contro Israele

Les signes indicaurs d’une prochaine sortie de crisi se multiplient, “laissant entrevoir le début de la phase endémique”, souligne un communiqué du gouvernement annonçant la levée dès le 3 février de la quarantaine pour les’ casill contact et de l’l’ valeria a casa.

Il signor Cassis ha colto l’occasione per ricordare che questa nuova fase è stata resa possibile solo dalla vaccinazione e ha chiesto una certa cautela.

“La fine della crisi non significa la fine del virus. Stiamo imparando a conviverci”, ha sottolineato l’ex medico cantonale, riferendosi in particolare alla possibile stagionalità del Covid-19, come l’influenza.

Come di consueto nel Paese alpino, il Consiglio ha anche avviato, fino al 9 febbraio, consultazioni speciali con Cantoni, rappresentanti della società civile e funzionari eletti sull’allentamento delle restanti misure.

La revoca completa potrebbe entrare in vigore dal 17 febbraio, eliminando così l’obbligo di fornire nulla osta sanitario nei ristoranti e nei luoghi culturali e anche di indossare mascherine nei trasporti pubblici e nei negozi, nonché le restrizioni associate agli incontri privati ​​e pubblici.

Se la situazione rimane molto incerta il 16 febbraio, il consiglio ha programmato di andare avanti con una mitigazione in due fasi.

In ogni caso, i contagiati dovranno continuare ad autoisolarsi.

Il Consiglio federale fonda il suo relativo ottimismo sull'”evoluzione positiva della situazione negli ospedali” nonostante il tasso di inquinamento record nel Paese.

Nella sola giornata da martedì a mercoledì, ci sono stati quasi 41.000 nuovi contagi nel Paese di 8,6 milioni di persone.

Il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva ha continuato a diminuire a causa dell ‘”elevata immunità della popolazione dovuta a vaccinazione o precedente infezione” e al fatto che la variante Omicron “causa meno complicazioni gravi rispetto alle altre variabili”.

Martedì, la Danimarca è stato il primo paese in Europa a revocare tutte le sue restrizioni. Ma lo stesso giorno, il capo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità ha ritenuto “troppo presto” per dichiarare la vittoria sul Covid.

READ  Le nuove rivelazioni sono agghiaccianti: "La donna gli ha fatto un cenno con la mano, sembrava un po' pazza"

La Corte suprema ceca ribalta la norma che consente l’accesso al ristorante HORECA solo alle persone vaccinate

La Corte Suprema della Repubblica Ceca ha bocciato, mercoledì, una norma che consente l’ingresso in hotel e ristoranti solo alle persone che sono state vaccinate contro il Corona virus oa coloro che hanno un certificato che attesti la loro guarigione. I giudici hanno denunciato che “lo scopo di questo provvedimento non dovrebbe essere quello di costringere indirettamente i cittadini a vaccinarsi”. Le persone non dovrebbero essere considerate contagiose fino a quando non sviluppano sintomi.

La Corte suprema ha concesso al governo ceco una settimana per modificare la misura. Ma in pratica, la regola viene applicata raramente.

La variante omicron mercoledì ha causato un record di 57.195 nuove infezioni nel Paese mentre sono stati registrati 9.775 casi di ricontaminazione. Il tasso di infezione a sette giorni è attualmente di 2.483 ogni 100.000 abitanti.

Casi di esplosione in Russia

Le autorità russe hanno indicato, mercoledì, che non stanno valutando la possibilità di imporre nuove restrizioni all’epidemia di Covid-19, nonostante l’enorme aumento del numero di casi in questo Paese scarsamente vaccinato.

Il numero di nuovi casi ha raggiunto 141.883 mercoledì, rispetto ai circa 30.000 di due settimane fa, secondo i dati ufficiali. Il numero di nuovi decessi rimane limitato, con 678 di mercoledì contro quasi 1.200 al culmine dell’ondata precedente di questo autunno.

L’Australia nega l’importazione di Covid nelle isole Tonga

Un funzionario della difesa australiana ha confermato, mercoledì, che una nave da guerra che trasporta aiuti alle isole Tonga dopo un’eruzione vulcanica e uno tsunami non è stata la fonte dei primi casi di virus Covid-19 nell’arcipelago.

La nave australiana HMAS Adelaide ha attraccato la scorsa settimana a Nuku’alofa, la capitale, per scaricare gli aiuti, nonostante la scoperta a bordo di una fonte di contaminazione tra i membri dell’equipaggio.

READ  Guerra in Ucraina: perché la Cina non aiuta la Russia? Gioco di problemi Xi Jinping

Il regno, con una popolazione di 100.000 abitanti, era fino ad allora uno dei pochi paesi sfuggiti al virus.

La Francia revoca le restrizioni

Mercoledì, il governo francese ha iniziato a revocare le restrizioni relative al Covid-19 per alleviare un po’ la vita quotidiana dei francesi, dicendo che era “vigile” per il futuro mentre la pressione in ospedale è rimasta forte.

Da questo mercoledì non è più obbligatorio indossare la mascherina all’aperto, le norme sono state abbandonate nei luoghi che ricevono il pubblico seduto (stadi, istituzioni culturali, ecc.) e il lavoro a distanza non è più richiesto ma solo consigliato.

…ma dichiara lo stato di emergenza in Nuova Caledonia

In Nuova Caledonia, invece, il governo francese ha dichiarato lo stato di emergenza sanitaria, che include misure che vietano gli spostamenti fuori casa. L’arcipelago del Pacifico meridionale, che è sopravvissuto a lungo, ha subito una seconda ondata di inquinamento con la variabile Omicron da gennaio.

Più di 5,68 milioni di morti

La pandemia ha ufficialmente ucciso almeno 568.6108 persone in tutto il mondo dalla fine di dicembre 2019, secondo un rapporto pubblicato dall’AFP mercoledì alle 11:00 GMT.

Gli Stati Uniti sono il Paese con il maggior numero di morti (890.770), davanti a Brasile (628.067), India (497.975) e Russia (332.690).

I paesi con il maggior numero di danni riportati dall’epidemia sono il Perù con 625 morti ogni 100.000 abitanti, la Bulgaria (480), la Bosnia (442), l’Ungheria (429) e il Montenegro (409).

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), tenendo conto dell’aumento dei decessi direttamente e indirettamente legati al Covid-19, stima che il bilancio epidemico potrebbe essere da due a tre volte superiore a quello ufficialmente stabilito.