Maggio 25, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Coppa del mondo | Il gioco definitivo per gli intenditori italiani con la bandiera arcobaleno

Coppa del mondo |  Il gioco definitivo per gli intenditori italiani con la bandiera arcobaleno

(Doha) Martedì la Fifa ha revocato la tessera di accesso agli stadi del Mondiale 2022 all’italiano, che aveva interrotto una partita all’inizio della giornata attraversando il campo con una bandiera arcobaleno.


Su Instagram, Mario Perry ha difeso la sua azione, promettendo che “infrangere le regole per una buona causa non è mai un crimine”.

Ma gli organizzatori non sono della stessa opinione.

“Come risultato delle sue azioni, e poiché questa è una pratica standard, la sua carta Haya è stata revocata e gli è stato vietato di partecipare a partite future in questo torneo”, ha dichiarato la FIFA in una nota.

La carta Haya rilasciata dalle autorità del Qatar funge da permesso di ingresso negli emirati, carta di trasporto pubblico e biglietto d’ingresso agli stadi.

Mario Ferri, 35 anni e soprannominato “The Falcon”, ha interrotto la partita Portogallo-Uruguay lunedì correndo in campo a sostegno dell’Ucraina con una maglietta decorata sul davanti con un logo di Superman decorato con le parole “Salva l’Ucraina”. “Salviamo l’Ucraina”), e sul retro un messaggio a sostegno delle donne iraniane (“Rispetto per una donna iraniana”).

Portava anche una bandiera con i colori dell’arcobaleno con la scritta “PACE” in italiano.

Placcato a terra da una cameriera, fu condotto fuori dal recinto e preso in custodia. È stato rapidamente rilasciato “senza ulteriori conseguenze”, ha detto martedì il ministero degli Esteri italiano.

È la prima volta dall’inizio del torneo in Qatar che un torneo è stato segnato da una tale intrusione di fronte alle critiche occidentali sul trattamento riservato alle persone LGBT+. L’omosessualità è perseguibile penalmente.

READ  "Belgi, benvenuti in Italia", Introduce l'ambasciatore italiano Francesco Genuardi in vacanza

“Pirata moderno”

Otto squadre europee hanno annunciato prima della partita che il loro capitano avrebbe indossato la fascia arcobaleno “OneLove”, ma l’idea è stata abbandonata dopo le minacce di sanzioni da parte della FIFA.

L’organo di governo del calcio mondiale ha promesso che negli stadi saranno accettate bandiere o indumenti color arcobaleno, ma in realtà questi sono stati ripetutamente confiscati dalle forze di sicurezza.

«La FIFA ha vietato dagli spalti le fasce di capitano arcobaleno e le bandiere dei diritti umani, hanno fermato tutti, ma non io come Robin Hood», ha scritto Mario Perry sul suo account Instagram, «infrangere le regole per una buona ragione non è mai un crimine».

“Salviamo l’Ucraina. Ho trascorso un mese nella guerra a Kiev come volontario e ho visto quanto soffrissero queste persone”, ha scritto.

Mario Ferri ha detto di voler mandare «messaggi importanti», soprattutto all’Iran «Ho amici dove le donne non sono rispettate».

L’attivista è un calciatore che gioca in club di serie inferiore e si definisce “un gangster moderno”.

Secondo la Gazzetta delo Sport, ha giocato in India, Svizzera, San Marino, Seychelles e Giordania.

L’italiano è un habitué delle attività militanti: durante i Mondiali 2014 in Brasile, durante la partita Belgio-USA, è sceso in campo con una maglietta con le scritte “Save the Children of Fellas” e “Ciro Viv” come un tributo. Secondo l’agenzia italiana AGI, a un tifoso del Napoli ucciso poco prima.