Campania Cava de' Tirreni EVIDENZA Lavoro

Concorsone al Comune di Cava de’ Tirreni, problemi con le commissioni

Nuove modifiche alle commissioni esaminatrici.

Cava de’ Tirreni. Continua a non avere facili sviluppi lo svolgimento del “concorsone” da 60 posti di lavoro (divisi in diverse tipologie e categorie concorsuali) al Comune bandito ormai due anni e mezzo fa. Slittano, infatti, a data da determinarsi le prove pre-selettive.

A quanto pare bisognerà ancora attendere considerato che la composizione delle singole commissioni giudicatrici deve essere ancora ultimata e soprattutto che per alcune già nominate si è provveduto ad alcune sostituzioni.

Lo slittamento, infatti, è stato determinato dalla necessità di sostituire due componenti delle commissioni giudicatrice della procedura selettiva per l’individuazione di venti istruttori amministrativi (tra le categorie concorsuali più ambite e che ha visto la candidatura di almeno 9000 persone sulle 20 mila complessive che hanno presentato domanda).

Si tratta in particolare dell’ex comandante della Polizia Locale, Saverio Valio che – non ricoprendo più l’incarico per il quale era stato inserito in commissione (dirigente del VI settore del Comune) – è stato sostituito dal dottor Francesco Sorrentino, dirigente del I settore (Amministrazione Generale e Finanze).

Sostituita anche la dottoressa Stefania Piccirillo il cui incarico di segretario di commissione è stato affidato invece alla dottoressa Laura Sabatino, istruttore direttivo del Comune di Cava.

Problemi analoghi si erano avuti già con le prime nomine arrivate nel gennaio del 2019, a poco meno di un anno dall’emanazione dei bandi.

A incarichi affidati, infatti, ci si era accorti che alcuni dei componenti delle commissioni esaminatrici individuati non rispecchiavano a pieno i requisiti richiesti dal “Regolamento per la disciplina dei concorsi”, e dunque si era dovuto attendere per la sostituzione e la nuova nomina.

Circostanze, queste, che avevano già portato a un primo slittamento delle fasi concrete delle procedure di selezione con le prove scritte e orali a cui saranno sottoposti i 20 mila candidati.

Intanto si fa sempre più spasmodica l’attesa del calendario delle nuove prove pre-selettive.

Alcune si erano già svolte tra dicembre del 2019 e gennaio del 2020 ma al momento non si conoscono ancora gli esiti, altre erano attese per l’estate ma l’emergenza sanitaria aveva fatto sfumare ogni possibilità di poter predisporre le prove.

L’intenzione dell’Amministrazione – vista l’esigenza di riorganizzare il Comando di Polizia Locale di via Ido Longo e predisporre nuovi agenti per il controllo in strada – è quella di dare la precedenza ai concorsi per l’individuazione di 14 ispettori di vigilanza.

L’obiettivo non è solo garantire un maggior presidio del territorio cittadino, ma soprattutto dare maggiore stabilità a un corpo che soffre della mancanza di personale per assicurare il monitoraggio di tutta la città, in raccordo con le altre forze dell’ordine.

Leggi anche: Cava, il Concorsone prende forma. Le 5 commissioni

Leggi anche: Cava, concorsone, slittano ancora le commissioni

Leggi anche: Cambio al Comando Polizia locale, Servalli: “Doveroso spostare il Comandante”

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi