Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Con il bronzo nei 60 metri ostacoli ai Campionati mondiali indoor, Just Kwao Mathi voleva di più

Con il bronzo nei 60 metri ostacoli ai Campionati mondiali indoor, Just Kwao Mathi voleva di più

Non che cominciasse ad annoiarsi, quasi. In una finale come prevedibile dominata dall'americano Grant Holloway in 7'29 (eguagliando il record del campionato), Just Kwao Mathe è arrivato nuovamente terzo (7'47). Come è successo agli Europei Outdoor di Monaco nel 2022, e come è successo agli Europei Indoor di Istanbul nel 2023. Questa terza medaglia di bronzo internazionale è stata un po’ dolce. L'ostacolista di 24 anni non era raggiante, non saltava in tutte le direzioni o attraversava il percorso alla massima velocità, raggiante.

Solo che un anno fa, il suo tempo medio era di circa 7:60, e aveva stabilito un record in 7:53. Quest'anno, il nativo di Evreux ha abbassato il suo record di un decimo, correndo sotto i 7:50 quattro volte e non superando mai i 7:58. « È un altro terzo posto, come al solito, penso che mi stia succedendo qualcosa di brutto, Ha detto sorridendo in direzione del suo amico, il corridore Jeff Aerius, che lo ha seguito nella zona mista. Ne ridiamo con Jeff. Se ottieni il terzo posto ai giochi, sarebbe carino, ma ehi… »

Ma sabato sera Kwao Mathe, solitamente molto solare, non ha nascosto la sua delusione. Il che la dice lunga sulla sua ambizione. “Non ho fatto bene e questo non mi ha dato fiducia”. Dopo una corsa in 7:52, non sembrava sanguinare fino al turno successivo, non riuscendo a fare la differenza e finendo secondo in 7:54, a pari merito con il belga Michael Obasoye e lo spagnolo Asier Martinez (che aveva corso come riserva ma era eventualmente squalificato per partenza sbagliata).

READ  La pulizia principale dell'Ajax, un gol da record si avvicina sempre di più al suo posto

Anche in finale non esiste una gara perfetta: “ Non ho fatto la mia gara. Il secondo fa il mio record. Lo colpirei ancora, è un peccato. » Domenica sera, sul secondo gradino del podio, salirà il 21enne italiano Lorenzo Simonelli. Nuovo emergente della generazione d'oro, con i saltatori in lungo Mattia Forlani e Larissa Iabicchino, l'ostacolista ha alzato il suo record da 7:59 a 7:43 quest'inverno. Il tempo realizzato da Kwaou-Mathey a Levin, meno di un mese fa.

Ovviamente, questa medaglia di bronzo, che ha vinto questa volta ai Campionati del Mondo, è “ il più bello “, come ha poi ammesso.” Ciò convalida il lavoro svolto con Giscard negli ultimi mesi. » Da ottobre, JKM si è unito al gruppo di Giscard Samba a Créteil, sconvolgendo il suo stile di vita in cui viveva. bozzolo » Al Creps de Poitiers dal 2018. D'altra parte, l'allenatore ha mostrato un ampio sorriso. ” C'è magia alla fine, la prendiamo, Lui decise. Gli farà capire che ora è uno dei mostri. Non era più l'outsider, il ragazzo che arrivava sperando di combattere con i migliori. È uno dei migliori e gli altri sapranno che esiste. »

« Onestamente, penso che sia una questione di impegno e chiarezza durante la copertura, Analisi JKM. Ero così concentrato sulla medaglia che mi sono dimenticato dei punti tecnici. » Ci sono stati anche alcuni intoppi da parte di Wilhem Belosian. Il campione francese 2024, che aveva iniziato brillantemente la sua giornata (7:47 nella serie), ha finito per pagare i rischi presi al suo debutto abbandonando la nave in semifinale (7:64).

Alla fine, Kouao Mathe, ancora agli inizi della sua carriera, perpetua la tradizione che ha visto un francese conquistare ogni podio ai Campionati del mondo indoor dal 2012 e un bronzo per Pascal Martinot-Lagarde. Forte e promettente.