Gennaio 22, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come rendere meno dolorose le bollette energetiche? Sembra che il ministro delle Finanze non sia più contrario al declino della televisione

Il ministro delle Finanze, CD&V Vincent Van Peteghem, sembra aver cambiato idea sull’utilizzo del taglio dell’imposta sul valore aggiunto sull’energia (gas ed elettricità) per sostenere le famiglie di fronte all’aumento delle bollette. Lo stesso ministro aveva escluso la riduzione dell’imposta sul valore aggiunto sull’elettricità lo scorso settembre, mentre il PTB mercoledì ha indicato che giovedì presenterà un emendamento in tal senso alla Camera dei Rappresentanti.

Al microfono VRT, Vincent van Bettieghem (CD&V) ha dichiarato mercoledì sera che proporrà al governo federale diversi modi per rendere meno dolorose le bollette dell’energia domestica. Tra queste vie c’è una riduzione temporanea dal 21 al 6% dell’imposta sul valore aggiunto, che è la misura “Il più veloce e più impattante sulle bollette dei cittadini”, secondo lui.

Bonus di 80 euro per i beneficiari della tariffa sociale

Lo scorso ottobre il governo federale ha già approvato una serie di misure per far fronte all’aumento dei prezzi dell’energia. Ad esempio, si è deciso di estendere l’allocazione della tariffa sociale gas/elettricità ad un pubblico più ampio (comprendente in via eccezionale tutti i beneficiari dell’intervento maggiorato) oltre la fine del 2021, fino alla fine di marzo 2022, che interessa circa un milione di famiglie . Ai beneficiari della tariffa sociale si aggiunge un premio di 80 euro.

Da gennaio anche le tasse federali sulle bollette energetiche sono state convertite in tasse che sono state congelate. Il vantaggio di queste tasse è che consentono un intervento federale più flessibile nella fatturazione, il che consente anche di lavorare a lungo termine.

A ottobre, l’opposizione (a livello federale) ha criticato misure che, secondo loro, non stanno aiutando abbastanza la classe media. All’interno delle sue fila, il PTB ribadisce regolarmente il suo sostegno a un’imposta sul valore aggiunto del 6% sull’energia, che rimetterà sul tavolo del Parlamento giovedì. PS, nella maggioranza, ha in programma anche la riduzione dell’Iva su gas ed energia elettrica, come previsto (per l’energia elettrica) dal governo De Rupo (2011-2014).

READ  IKEA pagherà 110 milioni di euro di bonus Covid ai suoi dipendenti

La questione del costo e il suo effetto sul calcolo del salario

Quando si pone la questione della riduzione dell’imposta sul valore aggiunto sull’energia elettrica, si pone in primo piano la questione del costo di tale misura. “È molto costoso, circa 770 milioni di euro l’anno”Lo ha detto il ministro Van Bettieghem a metà settembre.

Si è discusso anche di uno dei suoi effetti collaterali: l’effetto di una diminuzione permanente della bolletta sull’indice salariale, che potrebbe subire ritardi, vista l’inclusione di gas ed elettricità nell’indice sanitario.

Da domani possiamo votare questa proposta.

Questo mercoledì, il PTB ha comunque contattato il ministro CD&V. “Ora che CD&V si è dichiarata stakeholder, è tempo di mettere in pratica le parole. Cerchiamo una maggioranza alternativa. Da domani possiamo votare questa mozione”., il rappresentante Raoul Hedibo, capo del partito, indica tramite un comunicato stampa.