Dicembre 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Come è noto, il calo demografico in Italia è motivo di preoccupazione

L’Italia ha perso circa un milione di persone dal 2015 e le proiezioni sono pessimistiche per il futuro. Il declino della popolazione preoccupa le autorità.

La riduzione fa temere che i giovani non vengano risparmiati, mettendo a dura prova l’attività economica e il sistema previdenziale del Paese.

Con la più alta percentuale di ultrasessantacinquenni nell’UE, l’Italia ha “Molte generazioni“Secondo il direttore generale dell’Istituto Sensis Massimiliano Valeri, per invertire la tendenza.

La ricercatrice spiega questo calo, soprattutto in Italia, dove le donne lavorano meno. Il “Tasso di partecipazione delle donne al mercato del lavoro“È in Italia “Il più basso in Europa, circa il 57%“Lui chiarisce.”In Germania è del 75% e in Svezia dell’81%.“Confrontare.

Molti studi hanno dimostrato che le donne che lavorano hanno più figli“Lui discute.”L’impossibilità di lavorare rende le donne meno sicure economicamente e le scoraggia dal mettere su famiglia“.

Di conseguenza, “Il numero di donne incinte è diminuito nel tempoMassimiliano Valeri lamenta che l’immigrazione sia un’opportunità.

C’è da interrogarsi sull’immigrazione di cui l’Italia potrebbe beneficiare. Voglio dire, questa è un’altra possibilità“.

La lotta al calo demografico è una priorità per Fratelli d’Italia, il partito di estrema destra ora al potere. Il Ministero della Famiglia e della Nascita è stato creato per affrontare questo problema.

Il tasso di fecondità è un argomento che non appartiene né alla destra né alla sinistra, è un’emergenza nazionaleLo sottolinea Lavinia Mennuni, membro dei senatori del partito di governo.

Le madri che lavorano devono essere nuovamente poste al centro di tutte le decisioni politiche. Devono essere sostenute da sane politiche economiche. Questo non è stato il caso negli ultimi anni“, critica.

READ  Christian Volpado, il fenomeno italo-australiano che scuote la Città Eterna!

Gli esperti ritengono che le misure di sostegno economico non saranno sufficienti per invertire questa tendenza. Oltre a un basso tasso di natalità, c’è stata una massiccia immigrazione di italiani qualificati a causa della mancanza di opportunità professionali. La fuga dei cervelli amplificata dalla crisi del Covid-19.