Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Incontro controverso tra Olaf Schulz e Xi Jinping: “approccio solitario”

Olaf Schultz è il primo leader dell’UE a visitare la Cina dall’inizio dell’epidemia. Questa visita di un giorno è stata criticata, sia in Germania che nell’Unione Europea.

“Vogliamo anche discutere di come possiamo sviluppare ulteriormente la nostra cooperazione (…) su altri temi: cambiamenti climatici, sicurezza alimentare e paesi fortemente indebitati”, ha detto all’AFP una fonte del governo tedesco.

Una fonte del governo tedesco ha riferito all’Afp che Schulz, il primo leader dell’Unione Europea e del Gruppo dei Sette a visitare la Cina dall’inizio dell’epidemia, lo ha ricevuto in mattinata al Palazzo del Popolo. La rigida politica per combattere il Corona virus ha portato la seconda potenza economica mondiale a chiudere i propri confini per quasi tre anni.

La visita di un giorno, che arriva dopo la riconferma di Xi Jinping a capo del Partito Comunista Cinese e del Paese, è vista in modo critico non solo in Germania, ma anche in Francia, Bruxelles e Washington.


Leggi anche
Olaf Schultz, l'”utile idiota” cinese?

Riallacciandosi alle visite del suo predecessore, la democristiana Angela Merkel (12 viaggi in 16 anni al potere), Schultz è accompagnato da una delegazione di industriali, tra cui i vertici di Volkswagen e Basf. Tuttavia, la dipendenza dell’economia primaria dell’UE da questo assolutismo, con le aziende tedesche che realizzano gran parte dei loro profitti, è sempre più messa in discussione.

“Con il suo viaggio in Cina, il cancelliere sta portando avanti una politica estera che porta a una perdita di fiducia nella Germania tra i nostri partner più stretti”, il deputato dell’opposizione, Norbert Röttgen, ha criticato “l’approccio unilaterale”.

READ  Foto toccanti del violento temporale a Parigi (video)

“La Cina sta cambiando”

E anche all’interno della coalizione di governo gli avvertimenti sono d’obbligo: il segretario di Stato, l’ambientalista Annallina Barbock, ha esortato «a non fare più affidamento su un Paese che non condivide i nostri valori», rischiando di renderlo «politicamente vulnerabile ai ricatti .”

Pochi giorni prima del viaggio, il cancelliere tedesco ha autorizzato l’acquisizione di una partecipazione cinese nel terminal del porto di Amburgo (Nord). Washington ha anche esercitato pressioni su Berlino per limitare la quota che è stata ceduta al gruppo COSCO. Nel tentativo di appianare le cose, il signor Schultz ha promesso di “non ignorare le differenze” durante questa visita.


Leggi anche
Guidata dal pugno di ferro, la Cina si chiude su se stessa e si isola

In una colonna pubblicata poco prima della sua partenza, il cancelliere si è detto consapevole che “la Cina oggi non è più quella di cinque o dieci anni fa”, citando in particolare il recente congresso del PCC che ha cementato il potere del presidente Xi Jinping. “Se la Cina cambia, devono cambiare anche le nostre relazioni con la Cina”, ha ammesso il cancelliere tedesco, indicando un prudente cambio di rotta.

nessuna interferenza

In campo economico non pensa a separarsi dalla Cina ma a ridurre le “dipendenze unilaterali” con “senso delle proporzioni e pragmatismo”.

Ha elencato gli “argomenti difficili” che intendeva affrontare durante le sue interviste. Tra questi c’è “il rispetto delle libertà civili e politiche, nonché i diritti delle minoranze etniche”, come gli uiguri musulmani nello Xinjiang.

Ma a Pechino, il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian ha avvertito che “la parte cinese si oppone a qualsiasi ingerenza nei nostri affari interni ea qualsiasi distorsione sotto la copertura della discussione sui diritti umani”.

READ  Dmitry Muratov sulla guerra in Ucraina: "Non escluderò la possibilità di usare armi nucleari"


Leggi anche
Cina: fino a che punto si spingerà la ricerca del potere e del controllo da parte di Xi Jinping?

Il cancelliere ha anche promesso di discutere della “situazione tesa intorno a Taiwan” e della guerra in Ucraina mentre la Cina rivendica la sua “neutralità” – che gli occidentali vedono come un tacito sostegno al Cremlino.