Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Colpito la sinagoga di Rouen: “Il poliziotto ha evitato un viaggio fatale per l’individuo”

Colpito la sinagoga di Rouen: “Il poliziotto ha evitato un viaggio fatale per l’individuo”

Lo shock e il panico delle ultime ore si sono diffusi ben oltre la comunità ebraica di Rouen (Seine-Maritime). All’alba di venerdì, un clandestino di origine algerina ha tentato per la prima volta di bruciare la sinagoga situata in rue des Bons-Enfants, nel cuore del centro cittadino, l’ex quartiere ebraico del Medioevo. Prima di minacciare un agente di polizia con un coltello e sparargli.

Il 24enne è salito sul tetto dell’edificio prima di rompere una finestra e lanciare una bottiglia molotov all’interno del luogo di culto, che al momento dell’incidente era vuoto, intorno alle 6,45. Il primo fumo è stato notato da un residente locale.

video. “È terribile”: Rawan è sotto shock dopo l’attacco alla sinagoga

Quando sono arrivati ​​i vigili del fuoco e una squadra di soccorso della polizia, il presunto piromane era ancora seduto sul tetto della sinagoga. Si sarebbe dimostrato molto determinato, lanciando una sbarra di ferro in direzione degli agenti di polizia (“uno scalpello forato”, secondo le precisazioni della procura) e poi scendendo dal tetto con il chiaro intento di combattere. Armato di un lungo coltello da cucina, si è mosso minacciosamente verso un giovane agente di polizia. La scena è stata filmata.

“L’ufficiale si è ritirato di diversi metri e gli ha chiesto di interrompere i suoi movimenti, ma dopo avvertimenti che non hanno avuto effetto, avrebbe usato la sua arma cinque volte, colpendo l’individuo quattro volte.” Dopo aver visto questo video ha deciso di porre fine alle procedure di detenzione di questo impiegato statale di 25 anni”, ha spiegato Frédéric Thié, pubblico ministero di Rouen.

READ  Dopo un sabato frenetico, le operazioni di imballaggio si sono concluse pacificamente

“Sembra che esista l’autodifesa e un’indagine aperta su questo aspetto consentirebbe di confermarlo”, afferma un membro dell’Alleanza nazionale sindacalizzata della polizia. Il tipo eviterà sicuramente un viaggio fatale per l’individuo. Il ministro degli Interni, Gerald Darmanin, presente a Rouen all’inizio del pomeriggio, ha espresso l’intenzione di premiare presto questo vice funzionario di polizia con una medaglia “per il suo coraggio” e la “professionalità”.

L’aggressore aveva chiesto un permesso di soggiorno

Nonostante i primi soccorsi prestati dai vigili del fuoco, l’aggressore è morto per le ferite riportate. Grazie al biglietto di trasporto che aveva con sé e alle impronte digitali, la sua identità è stata identificata. Si tratta di Youssef Sy, un algerino di 24 anni, che ha chiesto un permesso di soggiorno come “straniero malato” nella provincia della Senna Marittima nel settembre 2022.

Secondo i chiarimenti forniti dal Ministro dell’Interno, tale richiesta è stata respinta. L’uomo ha poi provato a presentare ricorso, anch’esso respinto lo scorso gennaio. Da allora è stato inserito in un dossier di ricercato ma non era soggetto all’obbligo di lasciare il territorio francese (OQTF).

La polizia e i servizi segreti non sapevano che questo senzatetto non avrebbe destato sospetti di estremismo islamico. Nessuna informazione è stata ancora filtrata sul suo stato di salute, sulla sua possibile storia psicologica e sui motivi che lo hanno spinto a presentarsi all’amministrazione come “straniero malato”.

Le motivazioni dell’aggressore rimangono poco chiare

In particolare, l’inchiesta è stata aperta per “incendio doloso a causa della religione” e “violenza intenzionale con armi contro persona che ricopre un pubblico ufficio”, e l’indagine è stata affidata alla Direzione regionale della Polizia nazionale sotto l’autorità della Procura di Rouen Ufficio della Procura nazionale antiterrorismo.

READ  Chi è Hasan Ekwuisen, l'imam che rischia di nascondersi in Belgio per evitare di essere espulso?

Allo stato attuale delle indagini, i motivi più profondi dell’aggressore rimangono del tutto oscuri. Al momento non è stata trovata alcuna lettera di reclamo o spiegazione. Ma per Gérald Darmanin non ci sono dubbi: “Si tratta di un atto antisemita contro un luogo sacro della Repubblica”, ritiene il ministro dell’Interno.

video. Incendio di una sinagoga a Rouen: “un atto antisemita” condanna Darmanin

L’incendio, che i vigili del fuoco sono riusciti a domare rapidamente, ha causato “gravi danni”, secondo Shmuel Lubecki, rabbino di Rouen. Alcuni mobili della sinagoga e alcune pareti furono danneggiate, ma i libri sacri della Torah rimasero preservati.

“Il clima è cambiato dal 7 ottobre”.

“Sono scioccata e delusa”, dice Natasha Ben Haim, presidente della comunità ebraica di Rouen. Continueremo a vivere normalmente e vogliamo farlo. È importante rimanere in posizione eretta. Sapevamo che questo sarebbe potuto succedere. Il clima è cambiato dal 7 ottobre (Il giorno dell’attacco terroristico sferrato da Hamas sul territorio israeliano) E sta peggiorando.

Il tentativo di sparatoria alla sinagoga di Rouen si inserisce nel contesto dello scoppio di atti antisemiti scoppiati in Francia negli ultimi mesi. L’atmosfera è ancora più calda che mai nella Striscia di Gaza, con i continui attacchi militari israeliani contro la città di Rafah.