Giugno 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

In Georgia, prova di forza del governo

In Georgia, prova di forza del governo

L’atmosfera è molto diversa rispetto alle ultime settimane. Venerdì 17 maggio, a Tbilisi, in Georgia, canti rituali e polifonici hanno sostituito i fischi che suonavano un mese fa davanti al Parlamento chiedendo il ritiro del controverso disegno di legge sull’“influenza straniera”. Anche la folla ha un aspetto diverso: pochi giovani, ma tante famiglie, anziani e sacerdoti. Dalla mattina, decine di migliaia di georgiani si sono riversati nella capitale per partecipare alla “Giornata della purezza della famiglia”, che difende i cosiddetti valori tradizionali dell’ex repubblica sovietica situata nel Caucaso.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Georgia: La Chiesa ortodossa, fedele alleata del governo e del Cremlino

Questa celebrazione, lanciata dalla Chiesa ortodossa georgiana nel 2014, coincide con la Giornata internazionale contro l’omofobia. Ma quest’anno si è trattato soprattutto di una dimostrazione di forza da parte del governo, che è stato fischiato ogni sera da migliaia di manifestanti dopo la reintroduzione del disegno di legge, modellato su una legge russa che mira a mettere a tacere la società civile e i media indipendenti.

Il primo ministro georgiano Irakli Kobakhidze (al centro) durante la Giornata della purezza della famiglia a Tbilisi, 17 maggio 2024.

Diversi leader del partito al potere Sogno georgiano, tra cui il primo ministro Irakli Kobakhidze, si sono uniti alla processione verso la Cattedrale della Santissima Trinità, la chiesa più grande della città, la cui costruzione è stata finanziata dall’uomo forte del paese, Bidzina Ivanishvili. Il governo ha anche dichiarato ufficialmente questo giorno festa nazionale e giorno festivo nel 2024.

“Propaganda anti-gay”

Consapevoli del rischio di provocazioni e scontri, gli oppositori della legge sull’“influenza straniera” hanno chiesto che quel giorno non si tengano manifestazioni. Ha aggiunto: “Il governo vuole dimostrare di essere più forte dei manifestanti. sospira David Matiashvili, uno studente di giornalismo di 22 anni che era lì per seguire la marcia. La maggior parte delle persone che sono venute oggi sono dipendenti pubblici e sanno benissimo che se non vengono, potrebbero perdere il lavoro. Ma alcuni di loro sono lì con convinzione, Aggiunge. È il giorno della propaganda anti-gay, la gente è là fuori contro i gay. »

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Nonostante le proteste, il parlamento georgiano adotta una legge sull’“influenza straniera” simile al modello russo

READ  Il mio bambino di 10 anni può sedersi sul sedile del passeggero anteriore?

Nel corteo, la maggior parte di loro difende l’idea “La famiglia è mia mamma e mio papà”. “Siamo qui per difendere la purezza dei valori familiari e per esprimere lealtà alle nostre tradizioni e allo Stato”.dice Tamar Khorjoani, 60 anni, che è venuta con la figlia e il nipote. Come molti dei partecipanti, questo credente ortodosso mostra una grande ostilità nei confronti delle minoranze sessuali. Anche lei ne è convinta “Gli europei vogliono costringere i georgiani ad adottare il matrimonio tra persone dello stesso sesso per entrare nell’Unione europea”.. Ha aggiunto: “La Georgia non ha altra alternativa che l’Europa, ma deve accettarci come siamo, con i nostri valori e la nostra dignità!” Sottolinea.

Ti resta il 56,22% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.