Febbraio 8, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Ciclismo: tragica morte dell’icona del ciclismo italiano David Rebelle

essenziale
Il ciclista italiano David Rebellin è morto mercoledì 30 novembre all’età di 51 anni. È stato investito da un camion durante l’allenamento.

Questo mercoledì 30 novembre, una delle figure del ciclismo italiano, David Rebellin, è morto tragicamente durante l’allenamento. Il vice campione olimpico del 2008 a Pechino – la cui carriera è stata segnata dagli scandali del doping – è morto dopo essere stato investito da un camion mentre andava in bicicletta.

Morte per impatto

L’autista del camion coinvolto non si sarebbe fermato ed è ancora ricercato dagli agenti. Il ciclista di 51 anni è morto sul colpo.

Vincitore di sette classiche nella sua carriera (Liège-Bastogne-Liège, tre volte Fleche wallonne, Amstel Gold Race, Classica San Sebastian e campionato di Zurigo), compresa una tripletta nelle Ardenne nel 2004, l’ex corridore è tra i migliori specialisti nelle gare di un giorno della sua generazione.Una persona.

Ma è risultato positivo all’EPO diversi mesi dopo le Olimpiadi di Pechino nel 2008, perdendo di fatto la sua medaglia d’argento olimpica. “Mi ha dato molto fastidio nella mia carriera, ha spiegato nel 2016. Dopo la mia sospensione, ho ricominciato nelle squadre minori, perché avevo la porta chiusa ovunque, soprattutto nei grandi impianti.

Tuttavia, è rimasto nel circuito professionistico e ha continuato a vincere gare importanti a metà degli anni 2000 all’età di 45 anni. L’italiano ha corso a un livello di tutto rispetto nella squadra di terza divisione fino a poco tempo fa, e ha salutato il gruppo alla Veneto Classic il 16 ottobre.