Marzo 1, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ci stiamo adattando alle nuove sfide future”, afferma Bernard Werber

“Ci stiamo adattando alle nuove sfide future”, afferma Bernard Werber

Infine, nonostante le mutazioni esistenti, ci rendiamo conto che gli esseri umani ripetono ancora gli stessi errori. Ironicamente, è anche abbastanza attuale.

Possiamo scegliere tra paura e amore. Questo è ciò che ripete la mia eroina. Lì viviamo nella paura. Comunque, ho ascoltato le notizie prima di venire. E’ un po’ preoccupante. Quindi arriva un momento in cui diciamo a noi stessi: “Wow, è terribile”.

E questo è ciò che accade

Sì, ma dobbiamo ancora rispondere. Non dobbiamo restare come conigli di fronte al camion che li schiaccerà. C’è un momento in cui dobbiamo dire a noi stessi: ok, possiamo andare a sinistra, possiamo andare a destra, possiamo sterzare per evitare il camion. Sta a noi, come autori di fantascienza o di fantascienza, suggerire modi per far funzionare le cose.

Spero che le generazioni future vogliano un mondo migliore del nostro, ma sta a noi trovare le idee, e questo è un problema di immaginazione. Quindi tocca a noi, come scrittori di fantascienza, trovare idee.

Quando leggiamo il libro, diciamo a noi stessi: Ma alla fine è un libro che dura molto tempo perché inizia e finisce dopo 60 anni. Ma solleva interrogativi sulla storia dell’umanità in realtà, e anche sulla storia del mondo. Ma tra 100, 500 o 10.000 anni, cosa ricorderemo di ciò che abbiamo fatto qui sulla Terra e del nostro passaggio?

Esatto, questa è una domanda vera, e mi permetto di farla. Allo stesso tempo invito il lettore a rilassarsi. Va oltre l’impatto emotivo delle notizie istantanee. Consideriamo da dove veniamo, cosa è successo, come è emersa la nostra civiltà, come si è indebolita e potrebbe scomparire.

READ  «Ogni incontro era occasione di seduzione»: sono emerse diverse testimonianze contro Kawit

In effetti, semplicemente sistemare le cose nel tempo, come suggerisce la nostra situazione, significa che siamo meno concentrati, meno concentrati. L’Impero Romano scomparve, attaccato dai barbari, e ci vollero 1.000 anni prima che si tornasse al Rinascimento. Lavoriamo attraverso il collasso e la rinascita. E lì, ciò che suggerisce la mia eroina è come rinasceremo dopo il crollo che sembra imminente.

Quello che succede è la Terza Guerra Mondiale nel mio romanzo, ma la gestisco in 20 pagine. Ma c’è una svolta, all’improvviso ci espandiamo e all’improvviso qualcosa crolla. Dopodiché bisogna trovare il modo di ritrovare l’aria, di rinascere. E sto già cercando di pensare al prossimo episodio. Ma ascoltando le notizie, penso che nei prossimi mesi dovremo affrontare alcuni piccoli problemi.

Lei pone anche la questione del progresso scientifico. Perché nel libro, quando spieghi le mutazioni dell’ibridazione umana, non siamo ancora arrivati, comunque, né legalmente né ufficialmente. Ma l’ibridazione tra diverse specie, come ho dimostrato, esiste. Non siamo lontani dalla verità. Potremmo, ad un certo punto, creare degli ibridi umani, una chimera umana.

Due anni fa in Giappone hanno consentito l’espansione di embrioni che mescolavano DNA umano con DNA animale. Fino ad allora era limitato a quattordici giorni: potevi creare creature che fossero un misto di uomini e animali, ma dovevi eliminarle dopo quattordici giorni. Adesso non ci sono limiti.

Lo scopo di consentire questo tipo di produzione di ibridi, cioè di chimere, è quello di ottenere organi per i trapianti, perché c’è una grande carenza di organi per i trapianti. Così, mescolando uomo e maiale, o uomo-scimmia, o uomo e pecora, speriamo di produrre organi, cuori e polmoni che possano essere trapiantati in noi e salvarci.

READ  Star Academy: Conosciamo il primo semifinalista!

Ecco perché dico dentro L’ora della Chimera Accadrà nella realtà. Anche se sembra una follia, accadrà perché in più ci sono cinesi e russi che stanno facendo ricerche segrete e vogliono creare un incrocio tra uomini e animali.

Questo è accattivante. Non so se dovremmo avere paura o essere contenti del progresso scientifico.

Ho provato ad avvisare le persone.

Ma questo è pericoloso o è un messaggio di speranza?

Nel libro presento speranze e rischi. Ma soprattutto, dimostrare che porterà ad altri esseri umani con altre mentalità. Ciò significa che si ritroveranno a pensare diversamente, perché volano, perché nuotano, perché vanno sottoterra, e quegli umani là fuori, da qualche parte, arricchiranno la nostra cultura e la nostra intelligenza.

Ma la nostra umanità è ancora viva. E nei miei libri metto sempre un “lieto fine”, perché voglio che il lettore, quando finisce di leggere il libro, dica a se stesso: OK, sarà complicato, ma ce la faremo.

Sorridiamo, ma ci poniamo tantissime domande. E tra i tratti della tua personalità, cosa scegli? Aria, acqua o terra?

Aria, perché è volo. Tutti abbiamo la fantasia di volare. (…) Quando camminiamo, restiamo attaccati alla terra. C’è quest’idea di poter levitare, volare, vedere le cose dall’alto. Ho detto prima che un autore di fantascienza dovrebbe cercare di mettere le cose in prospettiva, ma quando voli, hai automaticamente quella prospettiva.

Quindi è vero, tra acqua, aria e terra scelgo l’aria. Ma credo che se si verifica il riscaldamento globale, lo stesso accadrà alla Terra. Dovremmo vivere sottoterra come talpe, anche questa è una possibilità. Oppure nell’acqua come i delfini o come gli animali acquatici. Ma in ogni caso è bene mettere questa possibilità in prospettiva e dire a noi stessi: “Beh, questo mondo ha possibilità nuove, assolutamente folli, e forse siamo in grado di vederle”.

READ  'This Ain't Rocket Science' Fred Courant è irriconoscibile: l'ex ragazzo di Jimmy è cambiato da quando viveva a Reunion Island (VIDEO)

Ogni anno pubblichi un romanzo, ed ecco il suo nome L’ora della Chimera. Il prossimo sarà il prossimo ottobre. dove si trova?

Nello specifico, sul treno espresso Parigi-Bruxelles ho trovato i miei inizi, la mia svolta. Sai, è come un razzo, deve essere lanciato. Avevo già la struttura, ma non avevo l’inizio. Poi all’improvviso l’ho trovato. Ne scrivevo continuamente sul treno, quindi ne sono felice. Solo per questo valeva la pena venire.