Febbraio 28, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chi sono gli Houthi e perché attaccano le navi commerciali? Cinque domande per comprendere il conflitto nel Mar Rosso Guerra Israele-Hamas

Chi sono gli Houthi e perché attaccano le navi commerciali?  Cinque domande per comprendere il conflitto nel Mar Rosso  Guerra Israele-Hamas

Gli Stati Uniti e il Regno Unito stanno attualmente effettuando attacchi contro le basi Houthi nello Yemen in risposta agli attacchi marittimi nel Mar Rosso. Chi sono gli Houthi? Come si chiamano? Perché la coalizione internazionale alla quale partecipa il Belgio ha deciso di intervenire nella regione? Facciamo l'inventario.


Sarah Winkle


Ultimo aggiornamento:
13:30


fonte:
Con Reuters, Agence France-Presse, BBC



Gli Houthi sono un gruppo politico e religioso armato che difende la minoranza sciita dello Yemen, gli Zaidi. Attualmente hanno il controllo effettivo su gran parte del nord del paese.

Questo gruppo, ufficialmente noto come Ansar Allah (o “Ansar Allah”), è emerso negli anni ’90 e ha preso il nome dal successivo fondatore del movimento, Hussein al-Houthi. Il loro attuale leader è suo fratello, Abdul-Malik al-Houthi.

Gli Houthi affermano di far parte dell’”asse della resistenza” guidato dall’Iran contro Israele, Stati Uniti e Occidente, insieme a gruppi armati come Hamas e Hezbollah libanese.

All'inizio degli anni 2000 guidarono una serie di ribellioni contro l'autoritario presidente dello Yemen, Ali Abdullah Saleh, nel tentativo di ottenere una maggiore autonomia per la loro patria.

La vicina Arabia Saudita temeva che gli Houthi avrebbero controllato tutto lo Yemen e lo avrebbero trasformato in un satellite del suo rivale, l’Iran. Pertanto, ha formato un'alleanza dei paesi arabi che sono intervenuti nella guerra. Ma anni di attacchi aerei e combattimenti di terra non sono riusciti a cacciare gli Houthi dalla maggior parte del territorio che avevano conquistato. L’Arabia Saudita sta attualmente cercando di raggiungere un accordo di pace con il gruppo armato e dall’aprile 2022 ha stipulato una tregua mediata dalle Nazioni Unite.

In totale, la guerra ha ucciso più di 160.000 persone, secondo l’Armed Conflict Location and Event Data Project (ACLED). Più di quattro milioni di persone furono sfollate.

READ  La guerra in Ucraina: "Con gli aerei da combattimento, saliamo di un'altra tacca"


Gli Houthi affermano che i loro attacchi alle rotte marittime del Mar Rosso sono una dimostrazione di sostegno ai palestinesi e ad Hamas, il gruppo islamico che controlla Gaza, nella sua guerra contro Israele.

Inizialmente gli Houthi iniziarono a lanciare droni e missili verso Israele, ma la maggior parte di essi fu intercettata. Il 19 novembre il gruppo armato ha sequestrato una nave commerciale nel Mar Rosso. Da allora, ne ha attaccati più di due dozzine utilizzando droni, missili e motoscafi. Ancora una volta, le forze navali guidate dagli Stati Uniti hanno contrastato molti di questi attacchi.

Gli Houthi confermano che stanno prendendo di mira navi appartenenti a Israele, battenti bandiera israeliana, gestite da Israele o dirette verso porti israeliani. Tuttavia, molti di loro in realtà non hanno alcun legame con lo Stato ebraico.

Da allora, le principali compagnie di navigazione hanno smesso di utilizzare il Mar Rosso – attraverso il quale solitamente passa circa il 15% del commercio marittimo globale – e ora passano attraverso il Capo di Buona Speranza in Sud Africa, una rotta più lunga (almeno 10 giorni). Questo cambiamento di rotta, e il conseguente aumento dei costi di consegna, sta alimentando i timori di una nuova impennata dell’inflazione globale.

La nave americana Ginko Picardie è stata attaccata da un drone che trasportava bombe lanciate dai ribelli Houthi dello Yemen nel Golfo di Aden il 18 gennaio 2024. © AP



Gli Houthi controllano la capitale, Sanaa, e lo Yemen nordoccidentale, compresa la costa del Mar Rosso. La maggior parte della popolazione dello Yemen vive in queste aree e gli Houthi gestiscono un governo di fatto che riscuote le tasse e stampa denaro.

READ  La guerra in Ucraina: riconnessione della centrale nucleare di Zaporizhia alla rete elettrica

Il governo yemenita riconosciuto a livello internazionale ha sede nel porto di Aden, nel sud del paese. È supervisionato dal Consiglio di comando presidenziale composto da otto membri, i cui poteri sono stati trasferiti dal presidente Hadi nel 2022.



Gli Houthi hanno stabilito relazioni con l’Iran, ma non conoscono il vero contenuto di queste relazioni.

La coalizione guidata dall’Arabia Saudita accusa l’Iran di armare e addestrare membri del gruppo armato, cosa che i due principali partiti negano. Afferma inoltre che Hezbollah libanese, sostenuto dall’Iran, sta aiutando gli Houthi.

Mentre l’Iran difende gli Houthi come parte di un “asse di resistenza” regionale, gli esperti yemeniti affermano che sono principalmente motivati ​​da obiettivi nazionali, anche se condividono affinità politiche con l’Iran e Hezbollah. Da parte loro, gli Houthi negano di essere burattini dell’Iran e affermano di lottare contro un regime corrotto. Secondo gli esperti, i loro interessi interni coincidono con quelli degli iraniani.

Sempre per gli Stati Uniti, l’Iran aiuterà gli Houthi a prendere di mira le navi. Dicono che l’Iran abbia contrabbandato armi, inclusi droni, missili da crociera e missili balistici, agli Houthi durante la guerra civile nello Yemen, in violazione dell’embargo sulle armi delle Nazioni Unite. Aggiungono che questi missili e droni sono stati utilizzati negli attacchi contro l’Arabia Saudita e il suo alleato, gli Emirati Arabi Uniti.

Polizia nazionale afgana/EPA
© Agenzia nazionale di polizia/Agenzia per la protezione ambientale


Dal 12 gennaio gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno lanciato attacchi contro obiettivi Houthi nello Yemen.

Il presidente Joe Biden ha affermato che gli attentati sono una “risposta diretta” agli attacchi alle navi nel Mar Rosso, che “mettono in pericolo il commercio e minacciano la libertà di navigazione”. Da parte sua, il primo ministro britannico Rishi Sunak ha spiegato che questa misura è “necessaria e proporzionata” per proteggere il trasporto marittimo globale.

“avvertimento”

Il presidente degli Stati Uniti ha insistito sul fatto che l'azione militare è stata preceduta da intensi sforzi diplomatici.

È grazie al pagamento che le agenzie delle Nazioni Unite sono state in grado di utilizzare la stessa tecnologia come “slack-free switch” contro i ribelli, e il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite è stato in grado di adottare una soluzione che richiede più vincoli, senza risultato.

“Il nostro obiettivo resta quello di allentare le tensioni e ripristinare la stabilità nel Mar Rosso”, si legge in un comunicato stampa congiunto pubblicato dopo gli attacchi. In risposta agli attacchi degli Houthi, gli Stati Uniti hanno già schierato navi da guerra e creato a dicembre una coalizione internazionale, alla quale ha partecipato il Belgio, per proteggere il traffico marittimo nella regione.



Leggi anche

Attacchi nel Mar Rosso: nuovi attacchi americani contro gli Houthi nello Yemen

Attacchi nel Mar Rosso: quali sono le loro ripercussioni sull’economia globale?