Maggio 22, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Chi possiede la luna? La Svizzera ha scelto il suo campo

Chi possiede la luna?  La Svizzera ha scelto il suo campo

Guy Parmelin e l'amministratore della NASA Bill Nelson durante la cerimonia di firma degli accordi Artemis da parte della Svizzera, presso la sede della NASA a Washington, il 15 aprile 2024. Foto: EPA

Lunedì 22 aprile la Svizzera ha firmato gli accordi Artemis che permetteranno di regolamentare l'esplorazione e l'utilizzo dello spazio. Ma Russia e Cina stanno organizzando i propri sforzi da sole.

Bruno Nellwulf/Media

Più “internazionale”

L’umanità vuole tornare sulla Luna. Ecco perché la NASA ha lanciato il programma Artemis. A più di mezzo secolo dall’ultima missione umana sulla Luna, gli astronauti devono esplorare la regione antartica ancora inesplorata. A partire dal 2026, nell’ambito della missione Artemis 3, due persone dovrebbero sbarcare sulla luna, tra cui per la prima volta una donna.

Da un lato, la Luna dovrebbe diventare un punto di partenza per le future missioni su Marte. D'altro canto, le risorse della Luna dovranno essere sfruttate a lungo termine da una base lunare permanentemente abitabile. Le materie prime possono quindi essere estratte come parte del processo minerario, che interessa molti paesi.

Questo è anche il motivo per cui nel 2020 la NASA e il Dipartimento di Stato americano hanno redatto delle regole in base alle quali la Luna e lo spazio dovranno essere esplorati e utilizzati in futuro. Questi accordi Artemis sono stati firmati da 38 paesi. La Germania lo ha firmato sei mesi fa e il cancelliere federale Guy Parmelin lo ha fatto lunedì 22 aprile a Washington a nome della Svizzera.

Verso una partnership con Elon Musk?

Alla firma era presente Peter Wurz, direttore dell'Istituto di fisica dell'Università di Berna. “Gli accordi Artemis si basano sul Trattato spaziale del 1967 e tengono conto dello stato attuale della tecnologia”.Lui spiega. Secondo lo specialista spaziale, gli accordi si concentrano su una migliore cooperazione per aumentare la possibilità di una ricerca spaziale sicura e solida. E aggiunge: “E l'assistenza reciproca in situazioni di emergenza, nonché la corretta registrazione degli oggetti spaziali”.

READ  Xiaomi Mi 10 Hot Deal: 42% di sconto sul tuo telefono 5G

Esiste certamente un ufficio di registrazione delle Nazioni Unite per i satelliti e i razzi (Convenzione sulla registrazione), ma non tutti i paesi ne fanno parte. Grazie alla registrazione si conoscono le orbite degli oggetti volanti, il che aiuta a evitare collisioni. “Quindi la registrazione è importante per evitare detriti spaziali”.“Spiega Valentin Bickel del Centro per lo spazio e l’abitabilità dell’Università di Berna.

Molti principi sono stati ripresi dall’antica Convenzione Spaziale. Ma nel 1967, l’uso delle risorse lunari o delle compagnie spaziali private non era preso in considerazione, dice Valentin Pickel:

“In futuro, vogliamo anche integrare diversi partner commerciali nello spazio, che stanno svolgendo un ruolo sempre più importante, come la Space Company di Elon Musk.

Ma ciò che è più importante è lo scambio globale e trasparente di dati scientifici.

Evita i conflitti

Gli accordi prevedono anche la possibilità di istituire una zona di sicurezza Per proteggere la miniera lunare. Questo per consentire ai singoli paesi di delimitare il territorio sulla Luna e su altri corpi celesti. Secondo Peter Wurz, data la formulazione dell'accordo, non è del tutto chiaro se tali zone interdette siano effettivamente possibili. In ogni caso, ciò consentirebbe di evitare conflitti legati allo sfruttamento delle risorse naturali.

Tuttavia è proprio questo punto degli Accordi di Artemide ad essere stato criticato: Avendo zone speciali, uno stato può avere molto potere. Per evitare conflitti regionali, la trasparenza nelle informazioni scambiate è fondamentale. Peter Wurz crede:

“Ma le attività commerciali potrebbero rovinare le buone intenzioni dell’Accordo Artemis”.

Anche Thomas Zurbuchen, ex capo della ricerca della NASA e professore all’ETHZ, mette in dubbio l’uso della Luna per l’estrazione mineraria. Si propone di creare una sorta di parco nazionale sulla Luna per preservarlo per le generazioni future. A febbraio disse:

Con la firma degli Accordi Artemis. La Svizzera ha l’opportunità di svolgere un ruolo attivo nello spazioAgli occhi di Valentin Bickle. Peter Wurz ha aggiunto: “Abbiamo già una buona ed ampia collaborazione sui progetti Artemis. Il riconoscimento di questi principi consentirà loro di essere ampliati. Ciò offre anche molte opportunità per l’industria svizzera. Infatti solo chi sottoscrive i patti può partecipare ad Artemide.

Partecipazione internazionale al progetto Artemis «Per noi dell’Università di Berna è un grande vantaggio.»Peter Wurtz dice. Gli accordi non comportano alcuno svantaggio per la Svizzera. “Gli accordi Artemis sono una dichiarazione di intenti. “Se la cooperazione si sviluppa in modo sfavorevole, possiamo ritirarci molto facilmente.”

Russia e Cina non vogliono partecipare

Ma non tutti i paesi vogliono partecipare agli Accordi Artemis. La Russia non ha ancora firmato. E nemmeno la Cina. Valentin Bikel ipotizza che forse questi paesi creeranno la propria ricetta spaziale per non perdere il controllo statale sullo spazio. I due paesi si sono riuniti sotto la Stazione Internazionale di Ricerca Lunare (ILRS).

A loro si sono uniti paesi come Egitto, Turchia, Sud Africa e Venezuela. Quindi in futuro potrebbero esserci due grandi partiti che faranno i propri piani in questo spazio. Tuttavia, l’India, in quanto potenza spaziale emergente, si schierò con l’Occidente e firmò gli Accordi Artemis.

Come il suo collega, Peter Wurz non crede che la Russia firmerà gli accordi Artemis, almeno nel prossimo futuro. Ma non è scettico nei confronti della Cina. “Grandi progetti, come la Stazione Spaziale Internazionale (ISS), in cui sono coinvolti anche i russi, non sono possibili senza la cooperazione internazionale e nemmeno il programma Artemis della NASA lo fa”, spiega il ricercatore di scienze spaziali.

READ  SpaceX: Thomas Bisquet e altri 3 astronauti sono tornati sulla Terra (foto)

La firma di Jay Parmelin avrà conseguenze dirette per Valentin Bickel. All'ETHZ ha lanciato alcuni anni fa il progetto per la missione lunare Artemis 3, cercando e individuando luoghi adatti per l'atterraggio in Antartide. Il progetto è ancora in corso e il ricercatore svizzero ha appena collaborato con specialisti spaziali indiani.

Nell’ambito del programma Artemis, Valentin Bickel sta anche supportando la pianificazione della missione Viper Rover, che prevede la perforazione dell’acqua al polo sud lunare il prossimo anno. La Svizzera partecipa quindi in diversi modi ad Artemis e potrà continuare a farlo grazie alla firma di Guy Parmelin.

Marco Siber, presente alla firma, era soddisfatto. All'età di 35 anni, ha completato l'addestramento da astronauta presso l'Agenzia spaziale europea (ESA) nel giugno 2023. Il suo obiettivo è diventare, grazie ad Artemis, il primo svizzero ad andare sulla luna. Lunedì 22 aprile Marco Seiber diventerà ufficialmente astronauta presso l'Agenzia spaziale europea.

Tradotto e curato da Tanya Meader