Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Charleroi ospiterà la più grande fabbrica di satelliti in Europa

Si tratta di un progetto su larga scala che è uno degli elementi principali della ripresa economica di Charleroi e della Vallonia. “In definitiva, 500 satelliti devono uscire ogni anno dal futuro impianto da costruire a Marcinelle”, Spiega Benoit Debre, Presidente di Aerospacelab. “Abbiamo lasciato la modalità di avvio per crescere e raddoppiare i nostri dipendenti ogni anno. Siamo 130 dipendenti e prevediamo di raggiungere 260 lavoratori l’anno prossimo.“E i tangibili si stanno avvicinando. È stato annunciato che i lavori di costruzione dell’impianto inizieranno quest’estate.

Serviranno i satelliti Aerospacelab “Osservare la Terra. Abbiamo bisogno di campioni di grandi dimensioni e molte immagini con diversi strumenti per osservare il nostro pianeta. Osservare le conseguenze dei cambiamenti climatici, ad esempio. I satelliti sono in orbita attorno alla Terra in modo che trascorrano solo 7 minuti al giorno sul Belgio, per per amor di un esempio. Sono necessari molti dati per ottenere un quadro completo”. Quindi la domanda sarà molto forte e, secondo i funzionari di Aerospacelab, “Non c’è nessun altro progetto della stessa dimensione in Europa“.

Sviluppi della difesa della NATO

La sorveglianza non avrà solo sbocchi civili. Secondo il Segretario di Stato, Thomas Dermin, satellite “Potrebbe avere il principio del dual use. Mixed use. La difesa è molto interessata a sviluppare la sicurezza informatica e spaziale. E sappiamo che un euro speso per la difesa non è uguale a un altro euro. Se investiamo negli F-35 americani, il le ramificazioni saranno in termini occupazionali e manifatturieri.Qui debole, e d’altra parte, se investiamo in satelliti usati per l’intelligence della difesa, ci rendiamo conto che tutto può essere prodotto qui, e in questo caso, a Charleroi.

Conferma del commissario europeo Thierry Breton: “C’è una grande sfida nello sviluppo dell’indipendenza del nostro settore spaziale. Non possiamo contare sui russi o sui cinesi per sviluppare la nostra presenza nello spazio. L’abbiamo visto in Ucraina. Un satellite è stato attaccato. Quindi il cielo e lo spazio sono due elementi chiave della difesa. Anche se gli sviluppi civili sono importanti e molteplici. Come GPS e WIFI che forniranno la connessione ad aree remote. “

La sfida per la difesa belga sarà cercare di non fare affidamento sulla larghezza di banda utilizzata dai satelliti statunitensi, in primis. Questi sono chiamati condivisioni di utilizzo che il Belgio ha con i paesi vicini. Come se una specie di noleggio di satelliti non ti appartenesse. Sul ministro della Difesa Ludivine DidonderNuove minacce devono essere affrontate, in particolare nell’Europa orientale. Dobbiamo continuare a lavorare con i paesi europei. È bello avere un satellite belga. Ma è importante soprattutto lavorare insieme su un gruppo di satelliti utili alla nostra difesa europea”.