Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Centralizzazione dei servizi sanitari al nord: escluso “Nessuno scenario possibile”.

L’amministratore delegato di Vitalité, il dott. Frans Desrosiers, funzionari coraggiosamente eletti che pongono domande “dure” sulla fornitura di assistenza sanitaria nel nord. In particolare, ritiene che “nessuno scenario possibile debba essere rinviato”, compresa la centralizzazione dei servizi sanitari.

Il sistema sanitario è destinato a cambiare e dovranno essere prese in considerazione soluzioni impegnative. Questo è ciò che ha detto il dott. France Desrosiers deputati giovedì durante una riunione della commissione permanente per i conti pubblici.

“La domanda che dobbiamo porci è a quali servizi diamo la priorità e quali servizi dovremo mantenere per garantire la qualità del servizio. E se non possiamo mantenere tutto, come possiamo fornirlo in modo che sia sicuro e più pratico per i nostri residenti.”

Stava parlando con il parlamentare conservatore progressista Sherry Wilson.

Il parlamentare di Moncton Southwest gli ha chiesto se il Campbellton Regional Hospital sarebbe stato abbastanza impegnato anche se le risorse umane fossero disponibili per mantenere quell’ospedale aperto senza interruzioni, dato il calo della popolazione nell’area.

ha detto il dottor. Desrosiers: “È un’ottima domanda perché affronta il motivo principale per cui dobbiamo prepararci per il futuro”.

Ha detto che questo le ha ricordato la proposta del sindaco di Caraquet Bernard Tyrault di creare un “grande ospedale” a Bathurst, anche se ciò significava rimuovere i servizi specialistici da altri ospedali.

“Da allora sono stata interrogata molto su questo e mi hanno chiesto cosa ne penso”, ha detto la signora Desrosiers.

Alcuni sindaci hanno sostenuto questa proposta e altri hanno espresso la loro disapprovazione. L’amministratore delegato non ha specificato se avrebbe preferito la proposta del sindaco Caraquet ad un’altra, ma si è congratulata con lui.

READ  Ecco i progetti di mobilità più folli a Liegi fino al 2030

“Ci vuole audacia per dire ad alta voce ciò che così tante persone stanno pensando nella loro testa e per trovare soluzioni che non sarebbero popolari”, ha affermato il CEO.

Un giornalista le ha chiesto se pensava che ci fossero troppi ospedali al Nord, ma lei ha evitato la domanda. Secondo lei, il sistema sanitario non si è adeguato adeguatamente ai bisogni sanitari della popolazione.

“Il nostro sistema sanitario è costruito su un vecchio sistema o su vecchi bisogni, dove c’erano molte malattie acute e poche malattie croniche. Ora siamo con una popolazione che invecchia con molte malattie croniche e non abbiamo ridisegnato il sistema sulla base di questo, o almeno, dobbiamo fare di più per il futuro.

Sente che le persone non dovrebbero aver paura di suggerire tali idee.

Non ci sono aree grigie in Restigos

Jan-Jay Levesque, sindaco di Atholville, respinge l’idea di centralizzare i servizi sanitari. Crede che non ci sia “zona grigia”: Restigouche non vuole perdere nessun servizio.

“Devi capire che qui a Campbellton, l’intera area più grande, compreso Kidgwick, fa parte della popolazione servita dal Campbellton Hospital, ma anche la riserva aborigena dall’altra parte del ponte (Listogog) e la Pointe-la-Croix Comunità.”

Il sindaco dice di “lodare” la volontà dell’ad di modernizzare il sistema, ma non pensa che una proposta di accentramento dei servizi sia la strada da percorrere.

“Posso capire che l’amministratore delegato e il governo non vogliono evitare alcuna opzione, ma quando arriviamo alla realtà, penso che abbiamo i numeri per mantenere il nostro ospedale”.

“Non stiamo per abbandonare il nostro ospedale e non siamo favorevoli alla centralizzazione di nulla”, ha affermato Brad Mann, presidente della Commissione dei servizi regionali a Restigouche e presidente dell’LSD ad Addington.

READ  Pluie d'étoiles filantes des Lyrides : voici comment profiter du spettacolo

Al contrario, afferma che un incontro con la direzione di Vitalité la scorsa settimana ha permesso di affrontare i problemi di personale dell’ospedale nominando un addetto alle assunzioni che è entrato in carica lunedì.

Un viaggio troppo lungo?

La leader liberale Susan Holt afferma di essere disposta a considerare “tutte le opzioni” per migliorare il sistema sanitario.

Tuttavia, non è molto favorevole all’idea del sindaco Caraquet.

“Il suggerimento (delle persone) che stiamo ancora chiudendo altri servizi sanitari, in quel momento, mi spaventa”, ha detto.

Pensi che dovresti chiederti se è ragionevole chiedere a qualcuno di viaggiare un’ora o due per determinati servizi sanitari.

“Se avessimo un sistema di trasporto pubblico conveniente, accessibile e affidabile, questa potrebbe essere una conversazione diversa”.

Il sindaco di Edmundston Eric Marquis ritiene che dovremmo evitare di prolungare il viaggio per le persone in cerca di assistenza sanitaria.

Durante un recente incontro tra i funzionari eletti del nord-ovest e Vitalité, il sindaco ha confermato di aver appreso che il 31% della popolazione del nord-ovest percorre effettivamente più di 100 chilometri per ricevere il servizio.

“Dobbiamo assicurarci che le persone ricevano buone cure. Ma dobbiamo ancora porci la domanda: come possiamo evitare di spostare questi servizi e far viaggiare più persone per più di 100 km?

Credeva che l’uso della consulenza virtuale potesse essere una soluzione.

  • Contributo del giornalista Bobby Terrain.