Febbraio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Casa diroccata, banconote in scatola spedite al club…: Youssef Belali e Stade Brestois, è finita!

Casa diroccata, banconote in scatola spedite al club…: Youssef Belali e Stade Brestois, è finita!

L’annuncio era atteso, ora è ufficiale: la relazione tra Prestois Stadium e Youssef Belali è finita. Mercoledì i giornali locali hanno riportato diversi errori da parte del nazionale algerino. In particolare si legge che il giocatore ha completamente rovinato la casa che aveva affittato per 5 mesi in Bretagna. Il quotidiano, Le Télégramme, ha riferito che il proprietario di questa abitazione ha indicato l’affitto e il danno è stato grande secondo le sue parole: “Tutti i mobili dovevano essere cambiati e la cucina ricostruita. La casa era riscaldata a 28 ° C. Il i pavimenti sono permanentemente storti sotto l’influenza dell’umidità, per non parlare della scia di sigarette nella vasca da bagno, ante degli armadi strappate, vasche idromassaggio appoggiate sui piani di lavoro… una vera carneficina.

Il giocatore è arrivato nove mesi fa a Brest con grande popolarità, e il giocatore, oltre al suo comportamento sportivo aggiuntivo, è accusato di altri fatti gravi all’interno del club in cui gioca. Mentre voleva lasciare la Serie A e la Bretagna, Blailey aveva iniziato a mancare di rispetto a qualsiasi cosa al club. La sera della sconfitta al Paris Saint-Germain del 10 settembre, il nazionale algerino, rimasto in panchina, avrebbe deciso di restare a Parigi dopo l’incontro senza dirlo a nessuno.

Peggio ancora, il giocatore era andato nei locali notturni di Parigi e aveva inviato fatture al Brest Club! Bollette fino a diverse migliaia di euro, secondo i giornali locali.

Ancora più impressionante, il giocatore ha accumulato periodi di assenza per “malattia” per non fare, ad esempio, foto ufficiali del club. Anche i media di Brest On Air affermano che il vincitore della Coppa d’Africa 2019 avrebbe dovuto prendere parte a un campo pre-stagionale a Dinard, ma non sarebbe andato subito lì. Avrebbe persino mandato… suo cugino a fare un sacco di test al suo posto!

READ  Perché Thomas Meunier è a un punto di svolta nella sua carriera?

Poche ore dopo tutte queste scoperte, il giocatore si è difeso sui social pubblicando le foto della casa che stava affittando “poco prima che le chiavi venissero restituite”. Ha anche condiviso il certificato medico ottenuto per non aver partecipato all’occasione fotografica ufficiale del club.

Così lo Stade Brestois ha deciso di separarsi dal suo giocatore che potrebbe tornare negli Emirati, dove era arrivato prima del suo arrivo in Ligue 1. Il direttore sportivo, Grégory Lorenzi, ha offerto alcune spiegazioni per la risoluzione del contratto. “Youssef si sentiva male ogni giorno, soprattutto quando era lontano dalla sua famiglia. Quindi è stato difficile per lui continuare su questa strada. Per il bene del suo equilibrio quotidiano e per il bene del gruppo, abbiamo deciso di porre fine alla nostra collaborazione. Tutti le cose che si sono dette in questi giorni sul giocatore restano faccende private che non ci riguardano o non ci obbliga a parlarne.. la cosa più importante oggi sono le condizioni sportive del Prestois Stadium e l’istituto resta al di sopra la sua personalità, come nel caso di qualsiasi altro giocatore.

In Algeria nei giorni scorsi, dove ha giocato due amichevoli con la sua selezione, l’esterno avrà giocato 19 partite (3 gol, 4 assist) per il Brest.