Settembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Carlo III, un re anziano e impopolare, presenta una nuova sfida alla monarchia britannica

Nel 1953 Elisabetta II fu incoronata a soli 25 anni, in un’aria di fervore patriottico in un Paese che si stava ancora riprendendo dai traumi della seconda guerra mondiale. Rimase una figura famosa e rispettata per tutta la vita.

L’accoglienza per il figlio maggiore promette di essere completamente diversa. A 73 anni, è un “vecchio” a salire al trono, osserva Robert Hazel, professore di diritto costituzionale all’University College di Londra.

“Sarà molto difficile per lui diventare la regina”, ha detto all’AFP. Forse la monarchia sta attraversando tempi difficili”.

Charles è nato nel 1948, ha sposato Diana Spencer nel 1981 e ha avuto due figli, William e Harry, prima che il loro matrimonio andasse in pezzi e la divulgazione pubblica della loro infedeltà portasse al divorzio.

Dopo la tragica morte di Diana nel 1997 in un incidente d’auto a Parigi, inseguita dai paparazzi, Charles ha sposato nel 2005 la sua ex amante Camilla Parker Bowles.

Il nuovo re si è sempre distinto per le sue osservazioni controverse, e talvolta sciocche, su argomenti come l’agricoltura o l’architettura moderna (che non gli piace). Anche se le sue preoccupazioni ambientali fossero ormai ampiamente condivise, dovrebbe attenersi a una neutralità garantita, in cui ogni parola del Sovrano viene scrutata e commentata.

Nel 2018 ha confermato alla BBC di essere consapevole della necessità di astenersi dal prendere qualsiasi posizione: “Non sono così stupido”.

Tale neutralità si preannuncia “estremamente difficile” da mantenere, soprattutto di fronte al desiderio di indipendenza della Scozia, con il suo desiderio di proteggere la monarchia, osserva Hazel, che tuttavia sottolinea “un fortissimo senso del servizio pubblico e del dovere pubblico” attraverso Carlo.

READ  Un mese dopo la sua sconfitta, il campo di Trump si stava preparando a prendere il controllo delle macchine elettorali

Non “Aura” Elizabeth

Charles si avvicina al suo governo meno amorevole di sua madre. Secondo un sondaggio condotto da YouGov nel 2021, poco più di un terzo degli intervistati pensava che sarebbe stato un buon re, mentre più del 70% aveva un’opinione favorevole della regina.

Basta ravvivare le speranze dei sostenitori dell’abolizione della monarchia a favore della repubblica, idea che negli ultimi anni ha sostenuto solo il 15% dei britannici.

Charles “non è protetto dalla stessa aura quasi impenetrabile della regina”, secondo Graham Smith, direttore del Republic Movement.

Per mantenere l’istituzione, Robert Hazell considera “ragionevole” che Carlo abdica in favore del figlio William, nato nel 1982 e molto popolare, opzione ancora rifiutata da Elisabetta II.

basso tenore di vita

Ma per Graham Smith, “non si arrende”.

Di fronte alle crescenti critiche allo stile di vita della famiglia reale, gli studiosi della monarchia diedero a Carlo il desiderio di ridurre il numero dei suoi membri attivi, di vivere a spese della corona e di dedicarsi alla partecipazione pubblica. Attualmente sono dieci.

Questa tendenza si è già rafforzata con il ritiro del principe Andréj, fratello di Carlo, coinvolto per via della sua amicizia con il defunto finanziere americano Jeffrey Epstein, accusato di tratta di minori, e poi con la partenza del figlio Harry in California.

Per Robert Hazel, la preoccupazione di continuare su questa strada è soprattutto quella di ridurre i rischi che un membro della famiglia reale possa “scivolare”.

Starà a Charles distribuire i titoli, scegliendo ad esempio se trasmettere al figlio il titolo di “Principe di Galles” che porta dal 1958.

READ  Temperatura record in Australia: "Queste ondate di caldo stanno uccidendo silenziosamente"

La famiglia reale ha indicato che Camilla dovrebbe indossare il titolo “Princess Consort” invece di “The Queen” per non offendere il pubblico. Ma da un punto di vista legale, il signor Hazel osserva che è diventata “automaticamente” regina.